Sorpreso con armi e droga. Condannato per tre anni e otto mesi

Squinzano. I carabinieri lo arrestarono insieme all’amico, ma lui si è attribuito la responsabilità dei reati

SQUINZANO – Risponde di detenzione illecita di droga e armi e di ricettazione. In carcere Tomas Barbetta, 23enne nato a Campi Salentina ma residente a Squinzano, disoccupato, censurato. Barbetta finì nei guai il 22 febbraio 2013 insieme ad Emanuele Tafuro, di 22 anni, dal momento che presso la sua abitazione i carabinieri di Squinzano trovarono circa un chilo e trecento grammi di hashish, 30 grammi di cocaina, una pistola calibro 9×21 e diverse munizioni. L’arma, una “Tanfaglio” semiautomatica, risultò rubata alcuni mesi prima a Taviano e fu trovata dai militari con colpo in canna, quindi pronta all’uso in qualsiasi momento. A completare l'arsenale, 20 colpi a salve, una mazza da baseball, un coltello a serramanico e tre candelotti di artifizi pirici. In un vano adibito a garage, infine, era conservato un pesante macchinario idraulico che veniva utilizzato per pressare la polvere di cocaina. Per i giovani, inevitabilmente, si aprirono le porte del carcere. Nell'ambito del procedimento penale, poi, Barbetta si attribuì la detenzione di armi e droga scagionando Tafuro. Dovrà scontare tre anni, otto mesi e 26 giorni nella Casa Circondariale di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment