Casa Pound: ‘Più parcheggi in piazza Umberto I’

Casarano. Il movimento politico commenta il progetto dell’Amministrazione e suggerisce di spostare i tigli presso la necropoli medievale di località ‘Cisternella’

CASARANO – Eseguire al più presto i lavori in piazza Umberto I, poiché necessari a favorire la circolazione e la sosta degli autoveicoli, e trapiantare i tigli presenti, i quali non possono rappresentare un ostacolo alla realizzazione dell’opera. E’ la posizione espressa da CasaPound Italia in merito al progetto preliminare dell’amministrazione comunale di ammodernamento dello spazio antistante all’attuale sede cittadina di Poste Italiane, a Casarano. “Il viale che conduce in Piazza Umberto I – spiega Andrea Pizzileo, referente di Cpi a Casarano – è troppo angusto e finanche percorso in entrambe i sensi. Nonostante costituisca una via nevralgica del paese, sulla stessa, così come in piazza, non è stato realizzato un numero adeguato di posteggi auto. Questa situazione crea notevoli disagi alle centinaia di automobilisti che ogni giorno percorrono il viale o vi cercano parcheggio, anche per raggiungere il vicino Ufficio Postale. La sistemazione della viabilità – continua il referente di CasaPound Italia – è pertanto necessaria e deve porsi come risultato la risoluzione definitiva del problema della congestione del traffico, con conseguente diminuzione delle emissioni inquinanti, e dell’esiguo numero di zone di sosta”. “Inoltre – conclude Pizzileo – i tigli che dovranno essere probabilmente rimossi a causa dei lavori, potrebbero essere utilizzati per adornare il sito archeologico della necropoli medievale ubicata in località ‘Cisternella’, che versa in uno stato di abbandono e degrado, o per sostituire le palme distrutte dal punteruolo rosso nella stessa Piazza Umberto I. Nel momento in cui questo non fosse possibile, il Comune dovrebbe farsi carico dell’impianto di nuovi alberi nelle zone che presentano una scarsa quantità di verde pubblico”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!