Vacanza ‘sole e mare’? Ad Otranto

Otranto. Il Comune salentino è tra le località top rated per tipologia di vacanza di PaesiOnLine

OTRANTO – Qual è la località giusta per una vacanza “sole e mare”? Secondo gli utenti di PaesiOnLine è Otranto. Il portale di turismo, infatti, ha stilato un elenco con le località Top Rated per tipologia di viaggio. La scelta delle località da inserire è stata basata su un sistema di calcolo elaborata da PaesiOnLine in collaborazione con il CISET, il PlacesRank, che valuta la web reputation di una località tenendo conto di variabili oggettive e soggettive. Il PlacesRank, assegna un valore a ogni destinazione presente nel portale ed è legato sia a caratteristiche proprie del territorio (numero di attrazioni disponibili, strutture ricettive, vicinanza a luoghi di interesse) sia ai commenti e alle opinioni degli utenti del sito. Il giudizio di ciascun utente è suddiviso in varie parti, ognuna con un valore compreso da 1 a 10: un voto generale, uno su singoli aspetti della località (intrattenimento, trasporti, sicurezza, costo), un breve giudizio complessivo sulla località e gli aggettivi che meglio la descrivono, la tipologia di vacanza fatta e, infine, tre attrazioni da non perdere. Questo sistema di analisi permette di caratterizzare una determinata località e inserirla all’interno di una specifica Idea di viaggio. “Questo riconoscimento ci rende felici – ha commentato il sindaco di Otranto Luciano Cariddi -, soprattutto perché derivato anche dagli apprezzamenti dei viaggiatori. Otranto è ormai da tempo tra le località turistiche italiane più conosciute ed apprezzate. Un luogo con un suo particolare appeal basato su diversi fattori che si possono sintetizzare in un unico concetto, e cioè, la qualità di vita, e quindi qualità di vacanza. Numerosi gli attrattori: il mare cristallino e una costa ben tutelata e attrezzata; il paesaggio e i siti naturalistici; la storia antica. Ma anche l’atmosfera di un luogo costantemente sospeso tra occidente e oriente dove, da sempre, si incontrano e confrontano le diverse influenze culturali dell’area mediterranea. Le azioni che l’Amministrazione Comunale ha cercato di sviluppare in questi anni, hanno guardato ai diversi aspetti che costituiscono punti di forza. E’ necessario continuare in questa direzione”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!