Congedo: ‘Il tessuto sociale pugliese è sano’

Lecce. Per il consigliere regionale è bene tenere presenti le parole di Motta sul radicamento della mafia nella società ma distinguendo la Puglia dal resto del Sud

LECCE – “Fa bene Cataldo Motta a invitare tutti a ripensare il rapporto tra la mafia e il territorio, ma va anche detto che la Puglia è diversa da altri territori del Sud”. Così il vice presidente vicario del gruppo Pdl/Fi alla Regione Puglia Erio Congedo interviene nel dibattito aperto dalle dichiarazioni del procuratore capo di Lecce Cataldo Motta a margine dell’operazione “Tam Tam” sulla necessità di dover fare i conti adesso con un salto di qualità nel rapporto tra mafia e territorio. Secondo Congedo, nonostante gli episodi emersi negli ultimi giorni, il tessuto sociale pugliese sarebbe sano. “Le parole allarmate di Motta, che conosce in profondità i fenomeni criminosi nel Salento e la loro evoluzione nel tempo – puntualizza – meritano attenta considerazione. Del resto, sono tra quelli che da tempo sostengono la necessità di alzare il livello di guardia di fronte alla criminalità”. “Premesso questo – aggiunge Congedo – ritengo che occorra distinguere la Puglia da altri territori del Mezzogiorno, dove seriamente la criminalità organizzata e la cultura mafiosa hanno deformato il vivere civile, sociale ed economico. Così come il Salento di oggi non è quello di venti anni fa, delle bombe, degli omicidi, della strage della Grottella. Qui la risposta dello Stato è sempre stata molto forte e il tessuto del territorio, gente, imprese e istituzioni, è rimasto sostanzialmente sano e impermeabile. È chiaro, però, che non sono ammessi cali di attenzione sui fenomeni criminosi, tanto meno a livello culturale o di penetrazione sociale. Fa benissimo Motta a suonare il campanello d’allarme e a invitare tutti a fare la propria parte. Compresa la politica, che può fare tanto sul profilo della trasparenza, della imparzialità, della scelta di modelli di condotta irreprensibili, partendo proprio dai criteri di selezione del proprio personale”. Articolo correlato: Motta: 'Un salto di qualità. Ora la mafia è radicata' Qui i dettagli dell'Operazione “Tam Tam”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment