Xylella, i commissari allontanano i comitati

Sannicola. “Spazi popolari” non ha avuto modo di accompagnare i funzionari nella loro visita agli uliveti, come chiesto pubblicamente alcuni giorni fa

SANNICOLA – Aveva chiesto di consegnare nelle mani degli ispettori fitosanitari europei in visita nel Salento una pubblicazione redatta da ricercatori universitari e di poter prendere parte alle verifiche. Ma le richieste sono rimaste lettera morta. Il comitato Spazi popolari di Sannicola, insieme ad una delegazione della guardia nazionale A.E.Z.A ieri pomeriggio ha incontrato il gruppo di commissari europei guidato da Antonio Guario dell’Ufficio Fitosanitario regionale e Donato Boscia direttore dell’istituto di virologia del Cnr di Bari con gli ispettori fitosanitari dell’Ufficio provinciale dell’agricoltura. Ma l’incontro non ha dato i frutti sperati: respinta seccamente la richiesta di visitare insieme gli uliveti che seppur insediati in zona focolaio non risultano essere vittime di disseccamenti e patogeni, poiché condotti biologicamente.

spazi popolari

“Le persone con cui volevamo interloquire – riferiscono – sono stati allontanati dal prof. Boscia mentre Guario si è fermato a parlare con noi dicendo che la pubblicazione era stata ritrattata. Cosa non vera dal momento che ricercatori della pubblicazione in questione – dell’Università di Foggia e di Firenze – sono stati contattati sin dal principio e sono tuttora in costante contatto con noi).

ulivi

Il mistero attorno alla xylella a questo punto si infittisce. Davvero gli ulivi salentini sono in pericolo? E perché i commissari non vogliono approfondire i controlli insieme al territorio? Articoli correlati: Forum Ambiente Salute: chiarezza sugli ulivi Curare gli oliveti per combattere il disseccamento Gli Ulivi stanno morendo: il Salento chiede aiuto Morìa ulivi: Confindustria chiede fondi straordinari Xylella. Forum Ambiente: ‘I fondi stanziati? Ai vivai'

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!