Botrugno, ufficio postale all’avanguardia

Botrugno. Accogliente, tecnologica e funzionale. Stamattina il taglio del nastro della nuova struttura

BOTRUGNO – Più moderna è più sicura. E’ la nuova sede dell’ufficio postale di Botrugno, in Via Vittorio Veneto 33, inaugurata oggi, predisposta secondo le moderne linee “lay out”. Al taglio del nastro erano presenti il sindaco, Mauro Leucci, l’assessore provinciale Silvano Macculi, l’assessore comunale Francesco Vergari e il responsabile commerciale della Filiale di Lecce di Poste Italiane, Saverio Fredella. L’ufficio, più accogliente, tecnologico e funzionale, dispone uno sportello per i Prodotti Bancoposta e uno per i Servizi Postali. Le principali novità consistono nella eliminazione dei vetri divisori, l’informatizzazione degli sportelli al pubblico, la disponibilità di un’Area Prodotti Finanziari riservata. Il cash dispenser, disponibile 24 ore su 24 per i possessori di carta Postamat, è dotato di uno speciale dispositivo elettronico “antiskimmer” per impedire la clonazione delle carte credito. Particolare attenzione è stata riservata al problema della sicurezza con la quasi totale eliminazione del contante dai banconi attraverso dispensatori di denaro a tempo per ogni operatore di sportello, il monitoraggio dei locali attraverso apposite telecamere, maggiorata visibilità dall’esterno attraverso vetrine più ampie e trasparenti, porte di sicurezza.

posta Botrugno

I volti dell'Ufficio Inoltre, per venire incontro alle esigenze dei diversamente abili, si è prestata attenzione anche all’abbattimento delle barriere architettoniche e uno sportello è stato realizzato con un piano di lavoro più basso e quindi più facilmente accessibile. L’ ufficio osserverà orario di apertura al pubblico: 8.20 – 13.45 dal lunedì al venerdì e 8.20 – 12.45 il sabato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!