Traffico di rifiuti. Provincia parte civile chiede 10 milioni di danni

Lecce. Accolta la richiesta avanzata da Palazzo dei Celestini attraverso l’avvocata Francesca Conte

LECCE – La Provincia di Lecce sarà parte civile nei processi penali per traffico di rifiuti e associazione a delinquere al via in questi giorni. La gup Cinzia Vergine del Tribunale di Lecce ha infatti accolto la richiesta di costituzione avanzata da Palazzo dei Celestini attraverso l’avvocata Francesca Conte, riconoscendola come pienamente legittima. I procedimenti sono quelli nei confronti di Fabio Ancora e altri, responsabili, secondo l’accusa, in concorso, di aver commesso una lunga serie di reati in tema ambientale. Tra i casi contestati, diversi episodi di occultamento di grandi quantità di rifiuti speciali anche pericolosi, che invece avrebbero dovuto essere smaltiti nei termini previsti per legge. Sotto la lente, anche numerose frodi commesse ai danni di pubbliche amministrazioni, tra le quali Soleto, Spongano, Corsano e Miggiano, e falsificazioni di documenti. Gli episodi contestati risalgono agli anni dal 2010 in poi. La Provincia, si legge nell’istanza di costituzione, avrebbe subìto un grave danno alla propria immagine a causa della notizia dei reati commessi dagli imputati. Ecco l’istanza di costituzione parte civile avanzata dalla Provincia Articoli correlati: A Francesca Conte l'incarico della provincia sui rifiuti Diritto alla salute. Gabellone cita in giudizio Ilva, Cerano e discariche

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati