Evasione da 2 milioni. Quattro denunce

Gallipoli. Nei guai una ditta individuale impegnata nell’attività di scavo e movimento terra

GALLIPOLI – Per sei anni, dal 2006 al 2012, ha omesso di dichiarare ricavi per un totale di oltre 2 milioni di euro. Negli stessi anni ha evaso l’Iva per circa 300mila euro. Non è sfuggita, ai finanzieri della Compagnia di Gallipoli, la condotta di una dotta individuale di Taviano, operante nel settore degli scavi, demolizioni e movimento terra. Le fiamme gialle, nel corso di una verifica fiscale condotta nei confronti della ditta, hanno scoperto che nel periodo dal 2006 al 2009, questa ha emesso fatture per operazioni inesistenti per un imponibile pari a 2 milioni di euro circa. Inoltre, per il periodo dal 2006 al 2008, ha sottratto all’accertamento circa 160mila litri di prodotto petrolifero ed evaso un’accisa di circa 70mila euro. L’operazione dei finanzieri è stata condotta acquisendo ampia documentazione, anche extracontabile, confrontandola con i risultati emersi dalla consultazione dell’Anagrafe Tributaria e delle altre banche dati. Dai controlli incrociati è emerso come la ditta individuale abbia omesso di presentare dichiarazioni fiscali obbligatorie negli anni d’imposta dal 2006 al 2012. A conclusione degli accertamenti, quattro persone sono state denunciate alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce per i reati omessa presentazione delle dichiarazioni fiscali obbligatorie, occultamento delle scritture contabili, emissione ed utilizzazione di fatture per operazioni inesistenti nonché mendace autocertificazione e sottrazione all’accertamento di prodotto petrolifero.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!