Copagri: olio salentino ad una svolta

Lecce. Ingrosso promuove una battaglia di sistema per migliorare la qualità del prodotto. Con le OP in prima fila

LECCE – L’olio salentino avrebbe tutta una strada di crescita davanti a sé. Il presidente di Copagri Fabio Ingrosso riflette sull’importante fase di svolta davanti alla quale si troverebbe la produzione olivicola salentina. “Se, come tutti ci auguriamo, le valutazioni degli ispettori della Comunità Europea saranno benevole e propositive per il nostro territorio – dice -, non c’è ombra di dubbio che le risorse per evitare lo sradicamento degli ulivi, la più conveniente potatura degli stessi e la pulizia del terreno dovranno essere messe a disposizione degli agricoltori attraverso le OP che rappresentano e sostengono quotidianamente la totalità degli olivicoltori della nostra provincia”. “Non potranno che essere le Organizzazioni di Prodotto – continua Ingrosso – a condurre la lotta mirata senza quartiere al parassita portatore dell’epidemia attraverso l’ausilio e lo stretto controllo dei tecnici che operano nelle OP. Copagri ritiene che l’occasione che ci si trova davanti potrebbe rappresentare una svolta epocale per una migliore qualificazione del prodotto olivicolo, delle piante e dei terreni. Ma come tutte le occasioni importanti non deve essere fatta sfuggire con una battaglia di retroguardia, soprattutto sull’utilizzo dei fondi che verranno, certamente, destinati. La battaglia che bisogna combattere deve essere, finalmente, di avanguardia, finalizzata alla crescita del nostro territorio, della sua immagine, della qualità dei suoi prodotti strategici che nell’ambito di una competizione globale, senza esclusione di colpi, deve prevedere la qualità stessa al centro di ogni percorso. Qualità significa risorse, benessere, sviluppo”. “Potremmo essere di fronte ad una svolta – conclude -, ad un percorso di maturità che richiede, però, responsabilità nella gestione delle risorse e riteniamo che soltanto le Organizzazioni di Prodotto possano percorrere per intero la strada che si apre davanti all’olio salentino”. Articoli correlati: Forum Ambiente Salute: chiarezza sugli ulivi Curare gli oliveti per combattere il disseccamento Gli Ulivi stanno morendo: il Salento chiede aiuto Morìa ulivi: Confindustria chiede fondi straordinari

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment