Consiglieri regionali. Il più assenteista del 2013 è Barba

Bari. Con 13 assenze su 20 Consigli il consigliere del Pdl è il più assenteista; secondo posto per Vadrucci; terzo gradino per Greco e Minervini

BARI – Il primo in classifica è il consigliere salentino Antonio Barba del Pdl. Ma c’è poco da festeggiare. Perché la classifica è quella dei consiglieri regionali più assenteisti stilata dal Comitato dei Cittadini Attivi per la Puglia. Barba, con 13 assenze su 20 consigli svolti nel corso del 2013 si assicura la fascia del più assenteista dell’anno appena trascorso, mancando a più della metà delle sedute. Sul podio, subito dopo di lui, Mario Vadrucci, anche lui del Pdl, assente a metà delle riunioni di Consiglio (dieci su 20) e, a pari merito al terzo posto, Salvatore Greco (La Puglia prima di tutto) e Guglielmo Minervini (Pd) con otto assenze a testa. “In un momento di crisi occupazionale ed economica come quello che stiamo vivendo – commentano dal Comitato – ci chiediamo se sia mai possibile che vi siano consiglieri regionali che non svolgono le loro funzioni e percepiscano regolarmente l’esosa indennità di oltre 10.000 euro. Verificando le presenze in Consiglio regionale per l’anno 2013 si potrà verificare che numerosi Consiglieri si sono assentati per più della metà dei Consigli, percependo per intero la loro indennità”. “Ognuno di loro – continua la nota – è stato eletto per rappresentare i cittadini ed invece si occupa di altro. Nemmeno in un momento di antipolitica come questo si fermano. Ed il presidente del Consiglio Introna ed il presidente della Regione Puglia Vendola continuano imperterriti senza nemmeno un’iniziativa come previsto dallo Statuto”. Ecco la lista completa dei consiglieri e le rispettive assenze nei Consigli regionali.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!