Virginia e Vita. Reading al Museo

Lecce. In scena le lettere che le scrittrici Virginia Woolf e Vita Sackville-West si mandarono dal 1922 ed il 1941

LECCE – Frammenti di un epistolario, istantanee fatte di parole e figure dell’anima vicine al sentimento archetipo, piene di aspettative, di attesa, di speranze e di carezze verbali. “What’s up Virginia?”, reading teatrale presentato da La Casa delle Donne di Lecce, si terrà alle 19 di oggi al Museo della Stampa di Lecce (piazzetta Duca d’Atene, 5) e metterà in scena le lettere che Virginia Woolf e Vita Sackville-West si scrissero dal 1922 al 1941, tratte da “Adorata creatura” (Edizioni La Tartaruga). Pagine che declinano il sentimento tra Virginia Woolf, “genio gentile”, bella, idolatrata e lontana e l’aristocratica Vita, ispiratrice dell’“Orlando”; scrittrice, eccellente giardiniera, devota al genio artistico della Woolf, materna, e protettiva. Lettere che testimoniano vent’anni d’amore e di amicizia, un’impresa del cuore che si fa scrittura, uno stile travolgente, intenso, sarcastico, passionale, anticonformista ed ironico. Ideazione e testi a cura di Daniela Rollo. Voci recitanti: Carla Visciola e Margò Volo. Regia e scelte musicali di Rosamaria Lettieri. Ingresso libero Info: 338/4183035

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!