Colonnine per auto elettriche. Parte la rivoluzione

Lecce e Brindisi. Installate le prime colonnine di ricarica dedicate alla mobilità sostenibile

LECCE E BRINDISI – Lecce e Brindisi hanno scelto la mobilità sostenibile. Dopo Bari ieri è toccato ai due capoluoghi salentini, celebrare l’installazione di innovativi punti di ricarica pubblici che consentiranno ai cittadini di ricaricare la propria auto elettrica mentre si dedicano alle proprie esigenze. L’unità di intenti tra i due capoluoghi salentini non è casuale. La candidatura di Lecce come “Capitale europea della cultura 2019” può vantare, infatti, un alleato prezioso nella città di Brindisi, che dista appena 40 km ed è sede dell’aeroporto internazionale del Salento, snodo fondamentale per l’arrivo di turisti e visitatori. È anche per questo che i due comuni hanno deciso di inaugurare contemporaneamente, ieri, il loro sistema di ricarica cittadino. Prima otto colonnine a Brindisi in corso Roma alla presenza del sindaco Mimmo Consales, del sindaco di Lecce Paolo Perrone, dell’assessora allo Sviluppo Economico della Regione Puglia Loredana Capone e di Livio Gallo, direttore della Divisione Infrastrutture e Reti di Enel. Successivamente con un corteo di auto elettriche i rappresentanti istituzionali e Livio Gallo hanno raggiunto Lecce, dando vita a un primo vero collegamento “elettrico” tra i due comuni. Circa 40 chilometri percorsi a zero emissioni con appuntamento in piazza Sant’Oronzo per procedere al taglio del nastro davanti a una delle cinque colonnine di ricarica leccesi. L’infrastruttura Enel può ricaricare tutti i modelli di veicoli elettrici attualmente in commercio dei principali marchi automobilistici in modalità lenta a 3kW o veloce a 22 kW. Nella prima modalità i cittadini potranno ricaricare del 50% la batteria del proprio veicolo elettrico in poco più di due ore. Nella seconda modalità, possibile con alcuni nuovi modelli di vetture elettriche, è possibile ricaricare il 100% in circa 1 ora. Sul sito www.eneldrive.it sarà possibile individuare l’esatta posizione delle colonnine presenti nel proprio comune e nelle altre città d’Italia. Un’apposita applicazione per iOS o Android fornisce la posizione e la distanza della colonnina rispetto alla posizione del mezzo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment