Droga in corpo. Calci e pungi durante la perquisizione

Galatina. Arresto turbolento di due fratelli ad opera dei carabinieri. In corpo uno do loro nascondeva 40 grammi di eroina; a casa, marijuana ed hashish

GALATINA – La resistenza che hanno subito opposto alle perquisizioni da parte dei carabinieri hanno lasciato capire che qualcosa da nascondere avevano, eccome. I fratelli Patrizio Paolì, classe 1979, ed Antonio Massimiliano Paolì, del 1975, entrambi noti alle forze dell’ordine, alle prime ore dell’alba sono stati condotti presso la stazione dei carabinieri di Galatina, dopo un controllo su strada che ha riguardato anche la vettura sulla quale viaggiavano, una Fiat Punto di proprietà di un terzo uomo, poi risultato estraneo ai fatti.

Patrizio Paolì

Patrizio Paolì

Antonio Massimiliano Paolì

Antonio Massimiliano Paolì In Stazione i due fratelli sono stati condotti per essere perquisiti ed a quel punto hanno iniziato a sferrare calci, pugni e gomitate nei confronti dei carabinieri. Solo una radiografia ha permesso di confermare i dubbi dei militari, constatando la presenza di un involucro nell’ampolla rettale del più giovane dei due. All’interno vi erano 40 grammi di eroina. La perquisizione è proseguita presso l’abitazione dei due. Nelle camere da letto sono stati trovati materiale utilizzato per il confezionamento, 1 grammo di eroina; 90 grammi di marijuana e 80 grammi di hashish. Patrizio è stato condotto in carcere; Antonio Massimiliano presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari, a disposizione dell’autorità giudiziaria. Entrambi sono difesi dall’avvocato Gervasi del foro di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!