Petardi nella notte a Carmiano. Per la terza volta

Le indagini stabiliranno se si tratta di semplici bravate o di “avvertimenti

E’ il terzo episodio di esplosione violenta, nella notte, di mortaretti confezionati artigianalmente. Stavolta è avvenuta ai danni di un carrozziere di Carmiano. Secondo i carabinieri i tre casi potrebbero essere correlati

E sono tre. Dopo il petardo lanciato contro un bar nell’area mercatale e dopo quello fatto esplodere sul tetto di una Fiat Panda di proprietà di un bidello, i vandali sono tornati a colpire a Carmiano. Presa di mira, stavolta, l’abitazione di un carrozziere. E’ accaduto intorno alla mezzanotte di ieri, mentre l’uomo era già a letto. Una forte esplosione l’ha fatto svegliare ed appurare che il petardo costruito artigianalmente era stato fatto esplodere proprio contro la finestra della sua stanza. Dei giovani sono stati visti mentre scappavano a bordo di un'auto a tutta velocità. Sul posto sono accorsi i carabinieri della compagnia di Campi Salentina con i colleghi della stazione di Carmiano. Secondo questi i tre episodi potrebbero essere collegati e, con buone probabilità, andrebbero letti come “avvertimenti”. Ma le indagini continuano e la situazione non è ancora chiara. Intanto non si conoscono gli autori del gesto; poi, non se ne conoscono le motivazioni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!