Progetto On The Road a Cursi

Cursi. Il camper del progetto On the Road, Unità di strada per migranti e rifugiati arriva venerdì 31 gennaio in città.

Cursi. Un pool di professionisti (da mediatori a psicologi, da avvocati a medici) a bordo di un camper in giro per il Salento per la tutela dei diritti e della salute dei migranti e rifugiati, è questo in sintesi il progetto “On The Road”, curato dall’ Istituto di Culture Mediterranee della provincia di Lecce, Comune di Cursi e Ambito Territoriale di Maglie ( Sportello Immigrati), che venerdì 31 gennaio dalle ore 17.00 alle ore 19.00 approderà a Cursi. Il camper si posizionerà in piazza Pio XII nei pressi del Palazzo Comunale, con il suo personale sarà pronto ad accogliere chiunque sia in cerca di informazioni o consigli. Gli obiettivi specifici del progetto, sono quelli di accogliere, ascoltare, decodificare le istanze dei cittadini stranieri, mettere in collegamento gli operatori e l'utenza straniera, mappare i servizi di emergenza-urgenza e pronto soccorso e facilitarne l'accesso degli stranieri, contrastare il sentimento di razzismo nei confronti degli stranieri, promuovere relazioni collaborative fra le amministrazioni e gli stranieri, presenti sul territorio regionale con il fine di favorirne il graduale inserimento sociale. Il camper è in costante collegamento con lo Sportello Immigrati – Servizi Immigrazione Salento e con i mediatori culturali presenti nei diversi Ambiti di Zona. Nell’appuntamento di Cursi unitamente al personale del progetto sarà infatti presente anche personale dello sportello Immigrati dell’Ambito di Maglie, coordinato dalla Cooperativa Millennium in collaborazione con Distretto Socio-Sanitario di Maglie.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment