'Un viaggio nel tempo' al Museo Ferroviario a Lecce

Lecce. Tornano le visite guidate in abiti d'epoca al Museo Ferroviario della Puglia a Lecce

Lecce. Visita guidata in abiti d'epoca al Museo Ferroviario della Puglia a Lecce! Primo appuntamento del 2014 al Museo Ferroviario della Puglia! Domenica 26 gennaio ImprovvisArt e A.I.S.A.F. ti guideranno in una visita molto particolare, un'esperienza unica tra antichi locomotori e carrozze passeggeri, con i personaggi di una volta che prenderanno vita davanti ai tuoi occhi. Gli attori di Improvvisart diventeranno affabili ferrovieri e allegri macchinisti in abiti d'epoca, interpretando vari personaggi storici che a sorpresa ti condurranno alla scoperta del Museo, delle sue storie, dei suoi aneddoti e dei suoi treni. Un modo interattivo e moderno di visitare il Museo Ferroviario, una visita/spettacolo che, grazie alla versatilità degli attori, sarà adatta a tutte le età e farà conoscere in maniera diretta ed efficace la storia del Salento, un luogo dove si può respirare aria di viaggi e rivivere la gioventù dei nonni. Sarà l'occasione giusta per vedere dal vivo e toccare con mano le vecchie e maestose locomotive a vapore, tra cui una locomotiva del 1911, la prima locomotiva elettrica delle Ferrovie dello Stato che poi ha fatto la storia del trasporto ferroviario in Italia, la prima “Littorina” delle Ferrovie Sud Est, i rotabili della storica Manifattura Tabacchi di Lecce, altri veicoli d'epoca e il Treno Storico “Salento Express”, tutti visitabili e alcuni di essi adibiti a sale espositive. Il museo ospita, inoltre, cimeli, diorami, ricostruzioni degli ambienti della stazione con in mostra oggetti un tempo utilizzati dai ferrovieri e plastici di stazioni italiane, americane e del Salento, il tutto curato da AISAF – Associazione Ionico Salentina Amici delle Ferrovie. Il Museo Ferroviario della Puglia è a Lecce in via Codacci Pisanelli, 3 Evento in collaborazione con AISAF – Associazione Ionico Salentina Amici delle Ferrovie

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!