Ai Cantieri Koreja replica Pinocchio

Lecce. Ancora una replica per uno spettacolo sulla vita che si risveglia dal coma con tanta umanità e ironia

Lecce. Torna a Lecce Babilonia Teatri di Verona, la compagnia fondata nel 2005 da Valeria Raimondi ed Enrico Castellani, pluripremiata e due volte vincitrice del Premio UBU (premio speciale come gruppo guida dell'attuale cambio generazionale nel 2009 e come miglior Nuovo testo italiano/ricerca drammaturgica nel 2011. Replica questa sera alle ore 20.45 PINOCCHIO spettacolo vincitore nel 2013 del Premio dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro assegnato proprio nel Teatro Paisiello di Lecce. Enrico Castellani e Valeria Raimondi non muovono i fili di marionette per attrarre la platea ma lavorano insieme a tre attori dell’associazione Gli Amici di Luca, non-attori come ama definirli Castellani, volontari con esiti di coma che si dedicano al teatro sfruttandone le qualità terapeutiche. Paolo Facchini, Luigi Ferrarini e Riccardo Sielli di Pinocchio conservano rigidità fisiche e nervose, conseguenza nefasta di un attimo beffardo del loro passato nel quale hanno fatto i conti con il buio dello stato di incoscienza. Le loro storie s’intrecciano con quelle del burattino più famoso grazie alle regia di Castellani. Pinocchio è uno spettacolo che parla della vita che si risveglia dal coma, portandone in scena i segni, le debolezze, la forza, le durezze e i suoi protagonisti, con il loro dolore a anche la loro inaspettata e liberatoria comicità. Fuori da ogni copione, Pinocchio si articola sul vissuto di questi attori-non attori che con la sua voce fuori campo senza paure o falsi pudori li stimola con domande talvolta ironiche e magari poco riguardose. In filigrana Le avventure di Pinocchio di Carlo Collodi emblema della trasformazione dolorosa che alla fine della prima parte del libro cade in uno strano stato di coma, tra il grillo parlante, magari rappresentato dalla voce fuori campo, il paese dei balocchi e Lucignolo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!