Estimi catastali, l’agenzia del territorio va in appello

Lecce. Rivalutazione estimi catastali a Lecce. L’Agenzia del Territorio non demorde e propone appello

Lecce. Si torna a parlare di estimi catastali. ‘È una sorpresa quasi inattesa la notizia comunicataci dall’avvocato Maurizio Villani – fa sapere lo sportello per i diritti – promotore dei primi ricorsi individuali e consulente di quelli collettivi contro il famigerato riclassamento generalizzato degli estimi catastali operato dall’Agenzia dei Territorio su input del comune di Lecce, secondo cui sono stati notificati vari atti di appello dell’Agenzia del Territorio sulla questione degli estimi catastali”. Ciò nonostante le numerose sentenze della Commissione Tributaria Provinciale di Lecce che hanno riconosciuto pienamente le ragioni dei contribuenti sanzionando con una sonora e annunciata bocciatura della procedura, l’iter seguito dalla pubblica amministrazione, censurato, peraltro anche dal T.A.R. della Puglia. Ad ogni modo – concludono – entro 60 giorni dalla notifica continueremo a difendere i contribuenti provvedendo a costituirci presso la Commissione Tributaria Regionale – Sezione Staccata di Lecce per contrastare le tesi difensive dell’ente e per chiedere la conferma delle favorevoli sentenza in primo grado. È evidente, quindi, che la questione si sposta presso la Commissione Tributaria Regionale – Sezione Staccata di Lecce, in un ennesimo capitolo di una saga che per Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, sta assumendo contorni grotteschi a causa del comportamento della P.A. che non vuole demordere nonostante quanto accaduto e ciò, ancora una volta, con conseguenze per la collettività di facile previsione”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!