Ugento, sui rifiuti l’opposizione non ci sta

Ugento. L’opposizione critica la gestione dei rifiuti per l’anno 2013 denunciando un costo del servizio estremamente alto.

Ugento. L’opposizione non ci sta e notifica un esposto sulla gestione dei rifiuti per il 2013 a loro dire eccessivamente oneroso “La determinazione del costo del servizio pari a € 3.354.804,37, di per sé elevatissimo – scrivono -non risulta adeguatamente documentata avendo, il redattore, indicato cifre senza riportare alcuna pezza giustificativa: per esempio, per i costi del personale, oltre alle problematiche sollevate in tema di cantierizzazione dei lavoratori nominativamente identificati (con tutte le criticità connesse), non risultano specificati: il CCNL applicato, le diverse tipologie di contratto individuale di lavoro, part‐time, tempo pieno, le ore di straordinario, le ore di lavoro festivo e/o notturno; per i costi relativi al carburante e agli ammortamenti non risulta allegato alcun elenco dei beni utilizzati, distinti per vetustà e potenza, nessuna indicazione sulla percorrenza kilometrica degli stessi in base alla quale e ai consumi medi si sarebbe potuto risalire alla congruità dei costi evidenziati; Nel paragrafo 4 del piano “il modello gestionale ed organizzativo” vengono elencati dei servizi che non vengono affatto forniti con la frequenza indicata per cui risultano “falsi”; A rendere il comportamento della maggioranza ancor meno trasparente, la circostanza che – continuano – in seguito all’aggiornamento della seduta al giorno successivo per permettere al responsabile del servizio di presenziare alla seduta, il piano finanziario è statomodificato, seppure solo nella forma, evidenziando una volontà mirata essenzialmente a “salvare la faccia” su alcuni aspetti già criticati dai sottoscritti nella seduta del 10/9. Tale comportamento induce a ritenere che la redazione del piano non sia stata soltanto eseguita con “superficialità” ma, anche, nella consapevolezza di non fornire un “quadro chiaro e fedele” delle spese e dei dati ivi indicati”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!