Lavorare in sicurezza

L’incontro di oggi in Provincia

Si terrà oggi a Palazzo dei Celestini la prima Conferenza Provinciale sulla Sicurezza sul Lavoro. Interverranno Giovanni Pellegrino, presidente della Provincia, e Luigi Calò, assessore provinciale alle Politiche del Lavoro

Giovanni Pellegrino, presidente della Provincia, e Luigi Calò, assessore provinciale alle Politiche del Lavoro, interverranno alla prima Conferenza Provinciale sulla Sicurezza sul Lavoro, che si svolgerà alle ore 10.30 di oggi nella sala consiliare di Palazzo dei Celestini. L’incontro chiude il progetto di informazione e sensibilizzazione “Lavorare in Sicurezza”, finanziato dalla Regione Puglia, dall’Unione Europea e dal Ministero del Lavoro, e realizzato dalla Cooperativa P.A.Z. All’appuntamento, che rappresenta un momento di riflessione interistituzionale sul tema della sicurezza del lavoro, interverranno Nichi Vendola, presidente della Regione Puglia, Marco Barbieri, assessore alla Formazione Professionale della Regione Puglia, Mario Tafaro, prefetto di Lecce, Paolo Perrone, sindaco del Comune di Lecce, Michele Frascaro, presidente della Cooperativa P.A.Z., Valentino Nicolì, presidente del Comitato Paritetico Territoriale della provincia di Lecce, Alfredo Violante, direttore regionale dell’Inail, Emanuele Ingrosso, direttore Inail Lecce, i sindaci dei 13 Comuni che hanno partecipato al progetto, i presidi e gli studenti delle dieci scuole coinvolte, il dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale. L’importante riunione si aprirà con la lettura di un testo di Valentina D’Amico “Sette vite per un estintore” a cura di Ippolito Chiarello e con la proiezione di video e foto che illustreranno il progetto“Lavorare in Sicurezza”. Dopo i saluti delle autorità presenti si darà vita a tre focus tematici su “Il ruolo della scuola”, “Il ruolo dei Comuni”, “Il ruolo dei media”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!