A Francesca Conte l’incarico della provincia sui rifiuti

Lecce. Francesca G. Conte riceve incarico dalla Provincia di Lecce per la scottante questione dei rifiuti tossici nel Salento

Lecce. La Provincia di Lecce con la Deliberazione n.243/2013 ha affidato l’incarico all’Avvocato Francesca G. Conte di Lecce di attivarsi presso le sedi giudiziare locali, regionali ed eventualmente nazionali al fine di acquisire ogni dato utile che consenta alla Provincia di Lecce di assumere ogni iniziativa utile per via amministrativa, ed eventualmente giudiziaria al fine di vedere tutelata la salute ambientale del territorio e dei suoi cittadini. L’Avv, Francesca G. Conte dovrà dunque occuparsi di una questione alquanto spinosa come quella appunto dei rifiuti tossici, tristemente collegata anche all’incremento di patologie tumorali sulla popolazione di diverse zone del territorio salentino. Ed è una vera e propria bomba ecologica quella che è in procinto di esplodere sotto i piedi di mezzo Salento, come dimostrano anche i rilevamenti fotografici effettuati di recente dal nucleo di Tutela dell’Ambiente dei carabinieri (di recente comunicati dalle suddette forze dell’ordine ai media salentini e pugliesi) e che secondo quanto sostiene l’Avv. Francesca G. Conte pongono quesiti inquietanti, che esigono una risposta nell’interesse non solo delle Istituzioni ma della cittadinanza salentina tutta. Inoltre la questione in oggetto diventa sempre più complessa appesantendosi di ulteriori problematiche come quella economica: ovvero se si accertasse la tossicità dei rifiuti interrati lo smaltimento richiederebbe un enorme intervento economico. Da affidare a chi? L’Avv. Francesca G. Conte inizierà il suo percorso esplorativo nella maniera più puntuale al fine di fornire quelle risposte che il territorio salentino merita

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment