Alemanno regina del sollevamento pesi

Lecce. Si chiude l’anno in bellezza con l’atleta copertinese Maria Grazia Alemanno, suo il 5° titolo consecutivo della disciplina

Lecce. La pesistica salentina chiude l’anno col botto. Ai Campionati Assoluti che si sono dispu-tati nei giorni scorsi a Modena, l’atleta copertinese Maria Grazia Alemanno ha infatti con-quistato il 5° titolo italiano consecutivo, stabilendo tre nuovi record nazionali e laureandosi regina indiscussa di questa disciplina. Tesserata per la “Body’s Training” di Copertino del tecnico Franco Alemanno, Maria Grazia è scesa in pedana nella cat. 69 kg, sollevando 91kg nello strap-po (85kg al primo tentativo, 90kg al secondo) e 108kg nello slancio (105kg al primo tentativo, o il terzo a 112kg), per un totale olimpico di 199kg: alzate che le hanno fatto guadagnare tre ori. “È stata una gara perfetta – commenta l’allenatore (e zio) Alemanno -, perché oltre ad essere la nuova campionessa italiana, Maria Grazia ha migliorato di un chilo i record di strappo e slancio e di due quello del totale. Una gioia grandissima dopo la delusione per il 5° posto ai Giochi del Mediterraneo e per il podio sfiorato agli Europei Under 23, dove si piazzò 4^”. Non è finita qui: le soddisfazioni per gli atleti salentini sono continuate con le due medaglie d'Argento conquistate da un’altra giovanissima portacolori della società copertinese, France-sca Spina, che nella categoria +75 kg si era piazzata solo 5^ nello strappo (sollevando 68kg). La sua grande forza di volontà le ha però permesso di riscattarsi nello slancio, dove è stata ca-pace di sollevare 85kg che le hanno fruttato l’argento nel parziale e nel totale (147kg). Non ha avuto, invece, la stessa forza d’animo la compagna di squadra Anna Chiara Cataldo nella cat. 75kg. La 15enne, demoralizzata dal 3° posto ottenuto nello strappo (73kg che le sono valsi, comunque, il bronzo), ha mollato nello slancio, collezionando tre alzate e: “Aveva tut-te le carte in regola per conquistare l’oro, che per un’atleta di 15 anni sarebbe stato un risultato senza precedenti – spiega il tecnico Alemanno -, ma quel 3° posto l’ha indotta a rinunciare completamente a gareggiare. Peccato, perché gli 88kg che non è riuscita a sollevare sono uno scherzo per lei, che in allenamento ne alza 96 e che è detentrice del record italiano Under 17. Mentalmente non c’era, ed è su quest’aspetto che dovrò lavorare: una gara si può perdere, so-prattutto se hai solo 15 anni, ma sempre dopo aver combattuto o averci almeno provato”. Il medagliere salentino si è comunque arricchito di un argento e tre bronzi conquistati da due atleti copertinesi che da diversi anni difendono i colori delle Fiamme Oro: si tratta di Emanue-le Greco e Sara Alemanno. In particolare, Emanuele, nella cat. 69kg, è salito sul secondo gradito del podio nello strappo (120 i kg sollevati), piazzandosi poi terzo nello slancio (145kg) e nel totale (265kg). Invece Sara (cat. 63kg) ha portato a casa il bronzo nello strappo (65kg) e nel totale (140kg) dopo aver sollevato 75kg (4^) nello slancio. In gara a Modena c’erano anche: Noemi Greco (Body’s Training), 4^ nella cat. 75 kg (53kg nello strappo e 65kg nello slancio); Marco Greco (Body’s Training), 5° nella cat. 56 kg (78kg nello strappo e 96kg nello slancio); sesti Ilaria Piccinno (Pesistica Aradeo), nella cat. 53 kg (45kg nello strappo e 55kg nello slancio), Alessandra De Ramundo (Pesistica Aradeo), nella cat. 58 kg (54kg nello strappo e 70kg nello slancio) e Andrea Sederino (Body’s Training), nel-la cat. 77 kg (115kg nello strappo e 140kg nello slancio); Martina Manta (Pesistica Aradeo), 8^ nella cat. 58 kg (50kg nello strappo e 63kg nello slancio). I risultati ottenuti hanno permesso alla Body’s Training di Copertino di piazzarsi al 2° posto nella graduatoria generale delle società italiane.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!