Perrone, ‘sull’ecotassa Blasi non parli a vanvera’

Lecce. Scambio di battute tra Sergio Blasi e Paolo Perrone sull’ecotassa, il primo cittadino di Lecce consiglia all’esponente Pd di non parlare a vanvera

Lecce. “Solitamente e consapevolmente estraneo al dibattito che riguarda i pugliesi – scrive Perrone -a Sergio Blasi viene chiesto dai sindaci del PD contrari all'ecotassa di battere un colpo. Risultato? Una presa di posizione senza capo né coda. D'altronde, è questo il rischio che si corre quando ci si lascia trasportare dall'improvvisazione, senza capire di cosa si sta parlando. Sono ancora fresche di memoria le parole del segretario del Partito Democratico, a proposito di quella Lecce che a suo dire “sciatta, sporca e culturalmente arretrata”, (incredibile a dirsi!) era riuscita a superare il turno per restare in corsa nella competizione per la Capitale europea della Cultura. E oggi, a distanza di qualche tempo, una nuova pillola di saggezza: “Se nel Salento il ciclo dei rifiuti non è chiuso ci sono pesantissime responsabilità degli uomini di Fitto e di Perrone”. Certamente. Secondo il segretario, la colpa non è mica della Regione Puglia – al governo da nove anni con “Blasi consigliere” da quattro – che ha approvato soltanto lo scorso novembre, dopo un ritardo di anni, il Piano dei Rifiuti. Un Piano votato dallo stesso segretario del PD, ma che evidentemente non ha saputo leggere, visto che fissa il livello di raccolta differenziata al 65% da raggiungere solo nel 2015. Ovviamente nel 2015, perché nello stesso piano si prende atto proprio dei ritardi imputabili alla Regione. Sempre secondo il consigliere del PD, non è di certo responsabilità della Regione Puglia se gli impianti utili a chiudere il ciclo dei rifiuti non sono stati realizzati perché le risorse dei pugliesi gestite dalla Regione (risorse europee del PO 2006-2013) sono state messe a disposizione dei territori (solo a parole) alla fine della scorsa estate e se – chissà per quanto – resteremo in attesa di quelle della programmazione 2014-2020 per ultimarlo. Il segretario deve ricordare, con tutta umiltà – conclude Perrone – di sedere in consiglio regionale perché i cittadini lo hanno votato e con la loro preferenza lo hanno incaricato di difendere le ragioni di questo territorio. E allora protegga i pugliesi dai rischi che il governo regionale sta facendo correre loro. Cosa che, a dire il vero, fino ad ora non gli è riuscita granché bene. Giudicheranno i pugliesi le parole che pronuncerà, cosa farà e come voterà nei prossimi giorni, quando il consiglio regionale sarà chiamato a discutere del Bilancio e di questa ingiustissima e ulteriore tassa che il governo Vendola vuole abbattere sulla testa dei cittadini”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment