Otranto, progetto legalità all’alberghiero

Otranto. ‘Tutti sulla stessa barca…a vela’ è il nuovo progetto dell’alberghiero di Otranto finanziato dalla Regione

Otranto. In svolgimento presso l’Istituto Alberghiero di Otranto il progetto 'Tutti sulla stessa barca…a vela' finanziato dalla Regione Puglia (Assessorato Diritto allo studio e formazione ) per attività didattiche rivolte a potenziare l’educazione alla legalità tra le nuove generazioni, realizzato in collaborazione con l’Associazione di promozione sociale Alba Mediterranea, e con il supporto tecnico della LEGA NAVALE DI OTRANTO. I ragazzi dell'istituto, attraverso l’acquisizione di competenze marinaresche, impareranno l’importanza del rispetto delle regole per una buona navigazione , a stare con gli altri e a far parte di un vero e proprio equipaggio. Convinta la partecipazione al progetto del Dirigente scolastico, degli insegnanti dell' istituto e dagli studenti coordinati dal prof. Rocco Leanza. Soddisfatto il Presidente di Alba Mediterranea Dott. Mimmo Prisciano,partner del progetto che, ha evidenziato come la barca a vela può rappresentare un ottimo strumento di apprendimento e di acquisizione di competenze al di fuori dell’ambiente scolastico. La vela, quindi, come mezzo di educazione sociale: 12 aspiranti lupetti di mare inizieranno un percorso unico ed innovativo dove la barca a vela e la navigazione saranno viste come metafora della legalità e rispetto delle regole. La responsabile del settore scuola della Lega Navale di Otranto Franca De Lucia commenta positivamente il progetto: ”L’attività velica è molto importante per i ragazzi nell’età evolutiva soprattutto a Otranto, dove la vela è una realtà in continua crescita che permette ai più piccoli di stare in gruppo mantenendo la propria individualità. Ad istruire i partecipanti al progetto ci saranno gli allenatori del nostro circolo ”. Il corso sarà strutturato in attività formative in aula con esperti del settore, skipper e personale tecnico ed esperienze pratiche in mare.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!