Le storie che so di lei, il documentario

Lecce. La LFD Casa delle Donne presenta Le storie che so di lei Oggi. Capitolo 2 . Un documentario sull’eredità del femminismo, diretto da Paola Manno.

Lecce. Le storie che so di lei – Oggi è il secondo capitolo di un progetto nato due anni fa dall’incontro di due generazioni: quella di chi ha vissuto il femminismo negli anni ’70 e quella delle loro figlie. A seguito di un lavoro di ricerca sulla storia del femminismo a Lecce, che ha ottenuto un notevole successo e girato in festival nazionali, l’autrice torna ad interrogarsi sui problemi delle donne di oggi. Problemi legati alla maternità, alla violenza, al rapporto con il proprio corpo, alle libertà ancora da conquistare. Cosí le figlie e le nipoti delle ragazze terribili della generazione sessantottina ci raccontano la loro quotidianità: l’autrice, con la collaborazione di Sandra del Bene, psicosessuologa e componente della Casa delle Donne, le ha incontrate in vari luoghi: nei centri di maternità, nei consultori, al centro antiviolenza Renata Fonte, in alcune scuole della città (hanno collaborato il Liceo Classico Palmieri, il Liceo Scientifico Banzi Bazoli e l’ITES Olivetti) Un documentario che raccoglie voci e volti che raccontano, con voce appassionata, come vivono le donne nel Salento oggi. Il film è stato realizzato con il contributo della casa delle donne di Lecce e finanziato dai fondi otto per mille della chiesa valdese. Parteciperanno alla serata, promossa all’interno del programma Astragali, Manuela Miglietta, presidenta della Casa delle Donne e la regista Paola Manno. Coordina la ricercatrice dell’Università del Salento, Elisa Rubino. L’ingresso è libero. oRE 19, teatro Paisiello.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!