Confindustria: Sì, alla revoca del fermo dei servizi di trasporto

Lecce. Confidustria dice si alla revoca del fermo dei servizi di trasporto previsto per oggi, ‘sono venute meno le motivazioni’ fanno sapere

Lecce. Confindustria condivide la posizione assunta dalle Associazioni Nazionali dei Trasporti ANITA aderente a Confindustria e UNATRAS, che hanno revocato il fermo dei servizi di trasporto previsto a partire da oggi. Infatti, sono venute meno le motivazioni che l’avevano prodotto, in considerazione del fatto che il Senato ha approvato l’emendamento che ripristina nella sua totalità il rimborso delle accise e la riduzione dei premi Inail per il prossimo anno e che il governo ha sottoscritto l’accordo del 28 novembre scorso nel quale si propone di rivedere le tematiche più delicate per il settore. Confindustria Lecce – come le Associazioni di categoria ANITA e UNATRAS – si dissocia da altre organizzazioni, che hanno confermato il fermo e si sono unite a movimenti di protesta che sono estranei all’autotrasporto. Confindustria Lecce ritiene che persistere nella protesta fine a se stessa, sia dannoso per tutto il sistema economico e produttivo nazionale. Nella convinzione che accanto alla protesta debba esserci la proposta e tenendo presente il grave momento economico e politico che il Paese sta attraversando, il vice presidente di Confindustria Lecce con delega alla Logistica e Trasporti, Vito Margiotta afferma che “è doverosamente responsabile per le Associazioni di categoria continuare nelle trattative con gli Organi di governo, sempre rappresentando le problematiche delle imprese tutte e avendo come obiettivo il miglioramento delle condizioni dei lavoratori e delle imprese stesse”. “Confindustria Lecce – conclude il presidente di Confindustria Lecce Piernicola Leone de Castris – auspica che ci possa essere una concertazione del mondo produttivo con il Governo, affinché si giunga ad una riforma che veda le imprese al centro del sistema”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!