Blasi, Lecce capitale della cultura ma con più Salento

Lecce. Blasi si dice entusiasta del risultato di Lecce alla candidatura come capitale della cultura, ma il suo augurio è che ci sia più Salento.

Lecce. “Ci troviamo in pieno fermento. Resta da capire se Lecce dalla candidatura a Capitale europea della Cultura riuscirà a trarre il coraggio che finora gli è mancato per imboccare la strada di uno sviluppo economico fondato sulla cultura, sul turismo, sulla sostenibilità ambientale, sull’innovazione sociale”. Sono le parole di Sergio Blasi sulla candidatura di Lecce a capitale della cultura 2019. “Voglio fare i complimenti allo staff che ha lavorato per superare il primo scoglio. Ma voglio anche dire con chiarezza che la parte che ho più apprezzato del Bid Book prodotto da Airan Berg è quella nella quale, in maniera indipendente, ci si sofferma sul ritardo della città nel campo della programmazione culturale. E sulla necessità di passare “da uno stato della mente a uno stato dell’essere”. C’è dunque da realizzare con urgenza azioni concrete a sostegno dello straordinario valore culturale di Lecce, anche, a mio modo di vedere, partendo dalle piccole cose (che piccole non sono). Per esempio da un giro nel centro storico. Qui i palazzi gentilizi, il “carnevale di pietra” delle chiese barocche, il contrasto abbagliante tra il cielo blu e il sole riflesso sulla pietra, la ricca stratificazione di una storia narrata persino dalla toponomastica, fanno il paio con una sorta di assalto alla diligenza che negli anni passati è stato permesso, a quanto pare senza troppi paletti. Ho visto insegne e cartelli commerciali piantanti senza scrupolo sulla pietra leccese di palazzi seicenteschi per promuovere la vendita di patatine fritte. Così come ho visto, in alcune vie meno percorse dal passeggio, botteghe artigiane della cartapesta e del restauro, compresse in angusti buchi malsani. Ho visto nelle intricate vie delle Giravolte, in quelle vorticose geometrie orientali, appartamenti sovraffollati drammaticamente, ridotti a sacche di marginalità sociale e di degrado a cui l’amministrazione comunale non è riuscita a dare risposta. Tutto ai piedi delle antiche mura cittadine, a contrasto con una gentrificazione che poco, al momento, è servita a risollevare le sorti del borgo antico. Ho constatato le chiese chiuse. Ho osservato la gabbia su Santa Croce e l’anfiteatro romano chiuso alle visite. Soprattutto ho visto pochi spazi in cui il patrimonio culturale di questa città viene davvero spiegato, valorizzato, reso accessibile. Lecce, consentitemi, è ancora oggi bella come i bei giardini celati dai suoi palazzi, che una volta all’anno le famiglie patrizie aprono alla frequentazione del popolo. E al contempo è anche brutta perché finora è stata poco rispettata dai suoi amministratori”. “Spero poi che nella seconda fase della competizione ci sia più Salento nella candidatura. Così come Perugia e Assisi viaggiano unite in un unico grande progetto – conclude Blasi – anche Lecce e i numerosi comuni della provincia dovrebbero essere stimolati a infondere nel progetto le loro peculiarità. La città dei notabili, del Barocco e degli ordini religiosi e la provincia con le sue ricchezze naturali e artistiche, la sua cultura popolare e la ricchezza della minoranza linguistica grika sono parte di un bouquet da ricomporre. Perché è vero che per conseguire il titolo Lecce ha bisogno delle infrastrutture che Brindisi offre (ed è bello finalmente veder viaggiare sottobraccio queste due città) ma è anche vero che oggi Lecce è il capoluogo di una provincia che negli ultimi anni ha maturato una identità culturale e turistica che ha “contagiato” con la sua forza la città, contribuendone alla riscoperta nei grandi circuiti del turismo mondiale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!