Avvelenamento colposo, a Semeraro 2 anni di reclusione

Lecce. Giovanni Semeraro, ex patron del Lecce calcio, è stato condannato a 2 e 3 mesi, con pena sospesa, per avvelenamento colposo delle acque

Lecce. Giovanni Semeraro, è stato ritenuto colpevole di avvelenamento colposo della falda acquifera sottostante il cantiere dell'Università del Salento, due anni e 3 mesi è la pena da scontare, pena comunque sospesa. Il giudice ha anche disposto l'invio degli atti alla Procura per valutare l'ipotesi di reato di sversamento pericoloso di cose per lo stesso Semeraro e di omissione d'atti di ufficio per il sindaco di Lecce, il dirigente dell'ufficio Ambiente del Comune di Lecce e i dirigenti del servizio Gestione rifiuti e bonifica della Regione Puglia. Semeraro è imputato nell'ambito del processo scaturito dall'inchiesta “Studium 2000”, delle costruzioni universitarie che si stanno realizzando alle porte di Lecce. Per i coniugi Fiorentino è stata riconosciuta una provvisionale di 100mila euro. La sentenza è stata emessa poco dopo le 19 dal giudice Silvia Minerva.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!