Motta, ‘Nessun falso allarmismo sui rifiuti’

Lecce. La Procura di Lecce ribadisce: ‘saranno effettuati nuovi sopralluoghi per tranquillizzare la popolazione’

Lecce. Cataldo Motta lo ripete: ‘nessun falso allarmismo’. Lo fa in conferenza stampa, convocata per comunicare che vi saranno nuovi accertamenti ma non saranno sentiti né Carmine Schiavone né Silvano Galati, rispettivamente pentito e collaboratore di giustizia, secondo i quali molti rifiuti tossici sarebbero interrati nel Salento e in particolare a Supersano. Saranno utilizzati degli elicotteri forniti di strumenti per riprese aerofotomagnetometriche in volo su aree di maggiore interesse investigativo come Supersano, già esaminate anni fa a seguito delle dichiarazioni del pentito Silvano Galati, sopralluoghi che non portarono a a. L’autorità giudiziaria apre un fascicolo d’inchiesta contro ignoti. I nuovi provvedimenti sarebbero stati presi in esame anche per tranquillizzare l’opinione pubblica, Secondo Ennio Cillo. “E’ fondamentale far capire come sia scorretto considerare ogni cumulo di rifiuto come discarica pericolosa. L’intento delle Procura è quella di ricercare rifiuti nocivi, senza ovviamente tralasciare circostanze risolvibili in breve tempo, come la discarica abusiva sottoposta a sequestro giorni fa alle porte di Lecce, erroneamente descritta come bomba ecologica”. Dei rilevatori di metalli verranno messi a disposizione alle forze dell’ordine, verificheranno l’eventuale presenza di rifiuti ma, come ha detto Motta, “Non c’è da aspettarsi a nel breve tempo”, “Intanto – ha confermato il procuratore – le amministrazioni locali hanno la possibilità di effettuare carotaggi e ogni forma di controllo che ritengono opportuno. La polizia giudiziaria subentrerebbe in caso di segnalazione di reato”. Il Sindaco di Supersano Roberto DE VITIS ha richiesto la partecipazione del Presidente della Provincia di Lecce Antonio GABELLONE, questa sera alle 18.00, in un'assemblea pubblica che si terrà presso l'Oratorio Parrocchiale di Supersano, avente come oggetto i recenti allarmi e le problematiche ambientali e sanitarie legate ai rifiuti, emerse dalle inchieste dei mezzi di comunicazione e dal lavoro degli organi di controllo preposti. Articoli Correlati: Rifiuti tossici, M5S mette in rete le carte Congedo, sui rifiuti tossici una risposta chiara Rifiuti e mafia. Gli insospettabili

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!