Sequestrato gommone con tre quintali di marijuana

Lecce. La Guardia di finanza sequestra carico di marijuana sul litorale leccese.

Lecce. Durante una missione aerea di sorveglianza per il contrasto ai traffici illeciti via mare, l’equipaggio di un elicottero della Sezione Aerea della Guardia di Finanza di Bari, coordinato dal Reparto Operativo Aeronavale, ha avvistato in località “Spiaggia Bella”, tra Torre Chianca e Torre Rinalda, in provincia di Lecce, un gommone arenato con a bordo alcuni grossi borsoni e altri sulla spiaggia. L’equipaggio delle fiamme gialle, atterrato con l’elicottero nei pressi del natante, ha potuto constatare che i borsoni contenevano sostanza stupefacente del tipo marijuana in grossi involucri cellofanati. Sul posto sono state quindi fatte convergere immediatamente pattuglie dei Reparti territoriali della Guardia di Finanza di Lecce ed in supporto giungevano anche militari dell’arma dei Carabinieri. Considerato lo stato del mare, in questi giorni particolarmente agitato e le piccole dimensioni del gommone sequestrato, non è da escludersi che lo stupefacente rinvenuto sia parte di un carico più grosso arrivato sulle coste italiane da altri mezzi dai quali successivamente è stato trasbordato. Sul posto non sono stati individuati responsabili, verosimilmente datisi alla fuga dopo aver notato la presenza del mezzo aereo della Guardia di Finanza. Militari della Sezione Operativa Navale di Otranto, arrivati successivamente in zona, eseguivano dei rilievi finalizzati a delineare la dinamica dell’evento e ad analizzare le caratteristiche del mezzo. Al riguardo sono state avviate specifiche indagini dai Reparti del Corpo tesi ad individuare gli autori del traffico internazionale e i potenziali destinatari dello stupefacente, il cui valore complessivo sul mercato avrebbe potuto rendere ai criminali circa un milione di euro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!