Rampino, ripartiamo dai circoli

Lecce. Alfonso Rampino: 'Ripartiamo dai Circoli e dal Territorio. Non tramonta il progetto del partito-comunità. Saremo una voce distinta ma costruttiva'

Lecce. “Nessun interesse alla presenza nella struttura di governo. Lavoro negli organismi, nell’Assemblea provinciale e, soprattutto e a partire da subito, nei Circoli e sul territorio”. Sono queste le parole d’ordine del dopo-congresso provinciale, definite ieri nel corso di un incontro che ha visto la presenza di Alfonso Rampino e dei delegati a sostegno della Mozione Rampino espressi nelle assemblee di circolo. Parole d’ordine condivise da tutti i delegati, insieme alla necessità di riprendere, in modo compatto, il lavoro nei Circoli e sul territorio. “All’insegna”, dice proprio Rampino, “di quel partito-comunità di cui tantissimi di noi avvertono l’urgenza e la necessità. Ancora una volta non possiamo che ribadire l’esigenza, anche e soprattutto sul nostro territorio, di un Partito democratico forte, autorevole, libero da condizionamenti e potentati, radicale e trasparente nella pratica quotidiana, interlocutore della sua gente (e non solo dei suoi iscritti), capace di incidere sul cambiamento in atto, a partire dai bisogni e dalle istanze di chi non ha voce. Siamo pronti a collaborare al rafforzamento del Partito sul territorio con chi condivide la linea di un partito che non lascia indietro nessuno, ispirato ai principi di trasparenza, rispetto delle regole e delle persone. Saremo una voce distinta ma costruttiva che, sulle urgenze della nostra comunità, parla nei Circoli e non nelle stanze di via Tasso”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!