No Tap, dal vice ministro Dassù falsità

Roma. Il comitato attacca il vice ministro Dassù, l’accusa è di dire falsità sul gasdotto

Roma. Il comitato No Tap non ci sta. Mercoledì scorso, durante i lavori della commissione Esteri della Camera, il Vice ministro Marta Dassù si esprimeva così sul documento di ratifica sul gasdotto TAP in esame: “Il viceministro Marta Dassù, osserva che ogni Governo ha tra i suo compiti quello di garantire ai cittadini un rifornimento di energia sicuro e a costi accettabili. Il progetto TAP, a suo avviso, costituisce un'opera che Realizza questo obiettivo permettendo, inoltre, il raggiungimento di un buon mix di fonti energetiche. Evidenzia che il progetto TAP è stato preferito al gasdotto ITG ed al Nabucco sulla base di criteri oggettivi. Fa presente che il Parlamento greco e quello albanese hanno ratificato l'accordo in esame mesi Fa e rileva, con riferimento all'articolo 7 del predetto accordo, che ai sensi Di tale norma, i Paesi aderenti si impegnano solo ed esclusivamente a non interrompere il flusso di gas una volta ultimata l'opera. Nel ricordare che attraverso la realizzazione della TAP l'Italia diverrà un hub strategico per Il trasporto di gas in Europa, auspica una rapida conclusione dell’iter di ratifica poiché è imminente la decisione finale di investimento sul progetto.” Secondo il comitato sarebbero “Notizie palesemente false!! Perché un vice ministro dice il falso in commissione Esteri?? I suoi interventi dovrebbero chiarire dubbi con informazioni non facilmente accessibili non falsificare il quadro sottoposto al giudizio degli onorevoli deputati “. Intanto mercoledì prossimo, alle 15:00, e’ prevista la seduta della Commissione Parlamentare Permanente sulla Produzione e il Commercio, per l’elaborazione e l’esame del progetto di legge del Ministero dell'Ambiente, Energia e Cambiamenti Climatici, dal titolo “Ratifica dell'accordo tra il Paese Ospitante, la Repubblica greca e Trans Adriatic Pipeline AG”, con la partecipazione del Ministro greco Yannis Maniatis e del Viceministro Makis Papageorgiou.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!