Rifiuti tossici, M5S mette in rete le carte

Supersano. Maurizio Buccarella pubblica on line i rilevamenti dei carabinieri del 2004 in agro di Supersano, foto scattate su indicazioni del pentito Galati

Supersano. In rete le foto aeree relative alle deposizioni del collaboratore di Giustizia Silvano Galati. Lo ha fatto il movimento 5 stelle “Un’operazione trasparenza su rifiuti tossici e crimine organizzato in Salento” fa sapere il vice presidente della Commissione Giustizia del Senato Maurizio Buccarella. “Il documento prodotto nel 2008 dalla Dda di Lecce per la Commissione Bicamerale per il ciclo dei rifiuti – fa sapere – evidenzia con foto aeree le zone dove, secondo le indicazioni di Galati, potrebbero essere presenti rifiuti tossici nel sottosuolo. Si rende pubblico un altro pezzetto di verità a tutela degli interessi dei cittadini del Salento che per troppo tempo sono stati abbandonati e tenuti all’oscuro di verità scomode”. Buccarella posta il tutto su facebook commentando la vicenda, resa pubblica sul blog di Beppe Grillo: “Condividiamo, diffondiamo….la conoscenza e la trasparenza aumentano la consapevolezza dei cittadini”. Sono delle “immagini mivis del Comando Carabinieri Tutela Ambiente di Napoli, scattate nell’estate 2004 ed elaborate dal CNR nelle quali sono indicati i terreni che presentano una temperatura superiore a quella media delle aree circostanti. I luoghi ritratti riguardano il comune di Supersano (Lecce), fra la Masseria denominata “Li Belli” e la vicina pineta, zona di presunto interramento illecito di rifiuti pericolosi prodotti da un’azienda del settore produzione e cromatura di fibbie per scarpe e borse, il cui titolare è stato condannato in via definitiva”. Queste anomalie termiche vanno comunque verificate. Ecco le foto pubblicate dal M5S sul sito di Beppe Grillo.

Articoli correlati: Casarano, una petizione per indagare sui rifiuti tossici Camorra e Scu: i fantasmi di Motta, i morti di tumore, i morti ammazzati Rifiuti e mafia. Gli insospettabili

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!