L’albero di Natale parla europeo

Lecce. Da oggi a Palazzo dei Celestini, l’albero frutto del progetto di scambio europeo di decorazioni natalizie

LECCE – Da oggi a Palazzo dei Celestini, nella sala del Consiglio provinciale, campeggia l’albero di Natale “frutto” del progetto “Christmas tree exchange decoration 2011” (Scambi di decorazioni per albero di Natale 2011), promosso dal Centro di informazione Europe Direct di Llangolen, una piccola cittadina del Denbigshire nel Galles (Inghilterra) e portato nel Salento dal Centro di informazione Europe Direct-Eures della Provincia di Lecce. Lo scopo del progetto è quello di educare i bambini all’Europa (il target sono gli alunni delle primary schools, età compresa tra i cinque e gli undici anni), per imparare, attraverso un’attività ricreativa e divertente, la lingua, la cultura, le tradizioni natalizie e le usanze di un altro Paese europeo. Il Centro Europe Direct-Eures della Provincia di Lecce ha diffuso il progetto sul territorio, comunicandolo a tutte le scuole di istruzione primaria di I grado della provincia di Lecce. E’ stato quindi redatto un bando con il quale il Centro Ed si è impegnato a sostenere con un contributo finanziario otto scuole sul territorio. Hanno realizzato l’iniziativa gli Istituti comprensivi statali di Miggiano, Specchia, Corigliano d’Otranto, Acquarica del Capo, Zollino, Copertino, la Scuola primaria “A. Lecciso” di Carmiano e l’Istituto di cultura e lingue Marcelline di Lecce. Le scuole sono state inserite in uno dei gruppi di scambio creatisi, ognuno dei quali comprendeva 35 scuole da 22 Paesi per un totale di 180 scuole provenienti da Belgio, Francia, Germania, Polonia, Romania, Spagna, Inghilterra, Scozia, Austria, Repubblica Ceca, Ungheria, Danimarca, Lettonia, Portogallo, Finlandia, Irlanda, Malta, Cipro, Grecia, Slovacchia, Slovenia e Italia. Ognuna delle otto scuole salentine coinvolte ha preparato 35 decorazioni natalizie per le scuole del proprio gruppo di scambio e ha ricevuto, a sua volta, altrettante decorazioni dalle scuole degli altri Paesi; oltre alle decorazioni, gli studenti coinvolti hanno prodotto un “information pack” contenente tradizioni, musiche, curiosità e ricette natalizie della propria regione, per poi riceverne altrettanti dalle scuole del gruppo di scambio. L’entusiasmo e l’attesa dei bambini, uniti alla ferma convinzione che l’Europa si costruisce sui banchi di scuola, hanno reso possibile un magico scambio di cuori tra 180 scuole d’Europa. Anche il Centro Europe Direct-Eures della Provincia di Lecce ha partecipato allo scambio, scoprendo l’emozione di ricevere, giorno dopo giorno, un pacco da un remoto angolo del Vecchio Continente.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!