La Puglia al 'Mets' con 12 aziende nautiche

Amsterdam. La regione è al 'Mets' con ben 12 aziende del settore nautico, la fiera inizierà oggi e si concluderà il 21 novembre

Amsterdam. La regione Puglia partecipa alla 26a edizione del ''Mets-Marine Equipment Trade Show'', fiera europea dedicata ad attrezzature, materiali, accessori, sistemi e servizi per il settore marittimo, in programma ad Amsterdam da oggi al 21 novembre 2013. Sono presenti 1.300 espositori in 15 padiglioni, il Mets garantira' un'importante vetrina alle 12 imprese pugliesi presenti all'evento, offrendo importanti occasioni di incontri d'affari (B2B) in uno dei settori di punta dell'economia regionale. “Con il Mets – osserva Loredana Capone, assessore regionale allo Sviluppo economico – prosegue la partecipazione delle aziende di settore pugliesi a eventi di rilevanza internazionale come il recente Festival de la Plaisance di Cannes. Questi momenti sono strategici per promuovere l'esperienza pugliese all'estero e far conoscere il nostro sistema nautico. L'obiettivo della regione Puglia che accompagna le imprese a queste manifestazioni e' – evidenzia l'esponente della giunta – aprire dei canali commerciali a livello internazionale, stabilendo delle partnership economiche durature in un settore che, per la Puglia, ha un enorme potenziale di sviluppo”. In Puglia la nautica da diporto ha infatti un ruolo importante per l'economia del territorio sia per infrastrutture e parco nautico, sia per tessuto produttivo. La regione, caratterizzata da 865 km di costa, dispone di 3 porti principali, 6 porti minori e 68 porti turistici, ha 11.500 posti barca nel 2013 e un parco nautico composto da 3.317 unita' da diporto immatricolate, mentre le patenti nautiche sono 4.162. Sotto il profilo produttivo, sono 217 le aziende specializzate attive che impiegano oltre 1.300 lavoratori, mentre l'export nel 2012 ha superato i 2,84 milioni di euro e ha visto i flussi di esportazione maggiore verso Argentina (1,6 milioni di euro), Stati uniti (496 mila euro) e Turchia (166 mila euro). I dati economici relativi al primo semestre 2013, infine, indicano scambi già avvenuti per circa 1,9 milioni di euro.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati