Antropologia, lezione magistrale di Tullio Seppilli

Lecce. ‘A cosa serve l’Antropologia culturale oggi in Italia?’ è il titolo della lezione magistrale che terrà Tullio Seppilli al Codacci Pisanelli

Lecce. Venerdì 15 Novembre presso il Palazzo Codacci Pisanelli dell’Ateneo di Lecce, è in programma una Lezione Magistrale di Tullio Seppilli, dal titolo “A cosa serve l’Antropologia culturale oggi in Italia?”. L’iniziativa è promossa da Kurumuny, dall’Istituto “Diego Carpitella, dall’Università del Salento, dalla Fondazione “La Notte della Taranta” e dal gruppo internazionale “Storia e memoria del Tarantismo”. Si tratta, com’è facile intuire, di un’occasione di confronto con uno dei più autorevoli testimoni di una stagione della ricerca antropologica in Italia. Tullio Seppilli, classe 1928, presidente della Fondazione ‘Angelo Celli’, già docente di Antropologia culturale nelle Università di Perugia e di Firenze, è il fondatore in Italia di quell’indirizzo di studio che va sotto il nome di “Antropologia medica”. La sua intensa attività di ricerca, che nei primi anni ’50 lo portò alla collaborazione con Ernesto de Martino e successivamente con importanti centri di ricerca europei, spazia dalla riflessione teorica, alla ricerca sul campo, alla metodologia della ricerca etnoantropologica, alle connessioni tra biologico e sociale. All’incontro prenderanno parte Andrea Carlino (docente di Storia della medicina presso l’Università di Ginevra), Eugenio Imbriani (docente di Antropologia culturale presso l’Università del Salento) e Raffaele Rauty (docente di Storia del pensiero sociologico e Individui, relazioni, interazioni sociali, presso l’Università di Salerno).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!