E’ tempo di saluti a Palazzo dei Celestini

Un regalo per tutti, assessori e consiglieri. E tanti ringraziamenti. Giovanni Pellegrino al suo ultimo Consiglio da presidente della Provincia

“Grazie per avermi consentito di vivere un’esperienza che resterà importante nella mia vicenda politica che si sta chiudendo”. Queste le parole con cui Giovanni Pellegrino, presidente della Provincia di Lecce, dalla postazione centrale degli scranni dell’aula consiliare di Palazzo dei Celestini, ha dato il via, ieri, all’ultimo Consiglio provinciale del “suo” quinquennio. In apertura, consiglieri e assessori sono stati omaggiati con un piatto di terracotta e una moneta d’argento raffiguranti stemma e immagine del Palazzo provinciale, “a testimonianza dell’impegno profuso nello svolgimento del mandato a servizio del territorio salentino e di questa istituzione”. “Ringrazio il presidente del Consiglio Bidetti e l’Ufficio di presidenza per il modello di conduzione assembleare applicato – ha detto Pellegrino -; la maggioranza per la sua compattezza, la minoranza per il modo positivo con cui il confronto politico si è svolto. La mia frequente presenza nelle Commissioni dimostra quanto ritengo importante quel lavoro preparatorio sottratto alla teatralità dell’assemblea pubblica”. L’applauso “bipartisan” è scoppiato spontaneo quando il presidente di Palazzo dei Celestini ha dichiarato: “Sono lieto che i due candidati vengano da questa esperienza: la vice presidente Capone e il presidente del maggiore gruppo della minoranza consiliare Gabellone. Sono lieto che da entrambi i candidati sia stato espresso un impegno comune a non far chiudere questo tono del confronto con la fine della mia presidenza”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment