La raccolta delle olive e il canto

Nardò. Uno stage per capire i canti popolari durante la raccolta delle olive, si canterà e lavorerà

Nardò. Il periodo è quello giusto. La raccolta delle olive è cominciata, così “Amor Loci, Teatro in ambiente rurale” ha organizzato Violiva, uno stage di Canto Polivocale Salentino diretto da Mariella Salierno, per il quale sono aperte le iscrizioni. Si terrà dal 31 ottobre al 3 novembre a Nardo' in Località Le Cenate. Per partecipare non sarà necessario conoscere la musica o saper leggere il pentagramma. Nel riqualificare il lavoro di raccolta delle olive, verrà selezionato un repertorio di canti sul lavoro e di lavoro. Il canto accompagna il lavoro e durante alcune pause saranno studiate le caratteristiche d'esecuzione dei canti con la 'tecnica polivocalica salentina', un canto privo di accompagnamento musicale, con la tecnica detta a paravoce. Canti di lavoro mentre si lavora. Una pratica antica nella terra lavorata dai contadini per alleviare le fatiche, che dal 31 ottobre al 3 novembre prossimi sarà riproposta nel Salento. I canti popolari salentini risuoneranno di nuovo tra gli ulivi, da un albero all’altro, tra i profumi autunnali e il primo olio. Tutto in forma di stage, ma non solo. “Il 'canto popolare salentino' e quello della tradizione orale delle varie comunità d'Italia – fanno sapere – si distinguono soprattutto per il testo narrativo. L'intera tradizione dei cantori ci invita semplicemente a 'cantare' presentandoci questo importante patrimonio immateriale, come un corpo unico, adatto a tutti quelli che si vogliono esprimere e fare festa. Il nostro 'corso' si occuperà di questo patrimonio, sceglierà un repertorio e lo eseguirà. Particolare attenzione sarà data al 'canto polivocalico'”. L'olio prodotto nel corso della raccolta sarà condiviso tra i partecipanti alla 'campagna'. L’iniziativa rientra nel progetto Campagne 2013 da Settembre a Dicembre

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!