Lecce corsaro ad Ascoli

Ascoli. La 9ª giornata del campionato di Lega Pro, regala un sorriso ai tifosi giallorossi che vincono per 5-2 fuori casa

Finalmente un sussulto d'orgoglio per il Lecce, in questo nefasto avvio di stagione 2013/14. Una secca vittoria, con cinque gol all'attivo, contro una formazione di blasone e, come i giallorossi, caduta piuttosto in basso. Partenza a razzo del Lecce che conquista un rigore al 12° trasformato da Bogliacino. Al 31° il raddoppio. Da un cross sulla fascia sinistra dell'ex ascolano Doumbia, nasce il raddoppio di Ferreira Pinto alla sua prima rete stagionale. Altro rigore trasformato dal cecchino Bogliacino ed è 0-3. Zigoni porta a quattro le segnature per i giallorossi già alla fine del primo tempo, con partita virtualmente già chiusa e con i tifosi dell'Ascoli che abbandonano le tribune. Un secondo tempo con altre tre reti, non esonera la difesa picena e in particolare il centrale Schiavino da un 4 in pagella collettivo. Lerda invece ha dimostrato che, potendo contare su un buon Miccoli e su una squadra parsa più organizzata e grintosa, può dare spettacolo. Tabellino: Ascoli (4-3-2-1): Russo, Di Gennaro, Giacomini, Capece, Bianchi, Schiavino, Falzerano (Ruzzier), Pestrin, Vegnaduzzo, Colomba (Scalise), Tripoli (Schicchitano). A disposizione: Pazzagli, Rosania, Gandelli, Carpani. Allenatore: Pergolizzi Lecce (4-2-3-1): Bleve, D'Ambrosio, Lopez, Papini (Parfait), Diniz, Martinez, Ferreira Pinto, Amodio, Zigoni (Melara), Bogliacino (Rullo), Doumbia. A disposizione: Chironi, Vinetot, Salvi, Sales. Allenatore: Lerda Marcatori: ’12 Bogliacino rig. (L), ’31 Ferreira Pinto (L), ‘ 34 Bogliacino rig. (L),’38 Zigoni (L), ’70 Vegnaduzzo (A), ’73 Zigoni (L), ’84 Schiavino (A) Ammoniti: Di Gennaro (A), Schiavino (A), Tripoli (A), Pestrin (A), Scalise (A) Arbitro: Cristian Brasi di Seregno, assistenti Pasquale D’Albore di Caserta e Antonio Quitadamo di Modena

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!