Quartetti in concerto

Lecce. Due quartetti composti da allievi del Tito Schipa si esibiranno in un concerto di musica da camera. Da Mozart a Piazzolla

Lecce. Mozart, Pachelbel, Goltermann, Verdi, Piazzolla. Questo il programma del concerto di musica da camera che, il prossimo 26 ottobre alle ore 18:00, si terrà nell’Auditorium del Conservatorio “Tito Schipa”, in via Ciardo 2 a Lecce. La produzione, nata da un progetto laboratoriale del Dipartimento Archi e Corde, coinvolge alcuni trai i migliori allievi dell’Istituzione salentina, e si articola in una prima parte interamente dedicata a W. A. Mozart e una seconda dedicata alla trascrizione, per quartetto di violoncelli, di brani della più nota tradizione. Il Quartetto d’Archi Primaldo, costituito da Veronica Schifano e Silvia Rizzo al violino, da Cristian Musio alla viola e da Federico Musarò al violoncello, con la partecipazione straordinaria del M° Fernando Toma, eseguirà, il Quintetto in Si bemolle Maggiore K 174, una composizione concepita dal compositore salisburghese come una forma particolarmente adatta alla ricerca di inusitati effetti timbrici per l’epoca. Il K174 in si bemolle maggiore è un brano interessante e spesso trascurato nel repertorio delle sale da concerto: scritto nel 1773, è ispirato ai quintetti per archi dell’amico Michael Haydn, fratello di Joseph e si articola in quattro tempi: Allegro moderato – Adagio – Menuetto ma Allegretto – Allegro. La seconda parte è invece totalmente dedicata alle trascrizioni per quartetto di Violoncelli: di J. Pachelbel sarà eseguito il Canone in RE Maggiore cui seguirà la Romance op. 199 n°1 di G. Goltermann e Ella giammai m’amò dal “Don Carlo” di G. Verdi. Seguirà Yesterday di Lennon/ Mc Cartey, Libertango e Oblivion di A. Piazzolla e The Entertainer di S. Joplin. Un programma molto vario ed eterogeneo concepito con la volontà di diffondere la musica strumentale attraverso trascrizioni realizzate per il più affascinante tra gli strumenti ad arco, il violoncello. Il Quartetto di violoncelli della classe della prof.ssa Rosa Andriulli è formato da Mario Corciulo, Eleonora Fullone, Gabriele Musio e dalla stessa Prof. Rosa Andriulli.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!