Trofeo CONI giovani al via

In Italia i giovani praticano poco sport: si tenta di invertire la tendenza

CASERTA. Partiranno dalla Puglia 80 atleti: 17 di Lecce, 4 di Brindisi, 5 di Taranto, 25 di Bari e 29 di Foggia

Dal 9 all’11 ottobre Caserta ospiterà la finale nazionale del Trofeo CONI Giovani, progetto multisport riservato ad atleti Under 14, maschili e femminili. Si tratta di un progetto istituzionale nato dalle esperienze già maturate negli ultimi anni in 4 regioni italiane (Veneto, Marche, Campania e Sicilia), poi convogliate in un unico modello organizzativo esteso a tutto il territorio. Obiettivo: dare vita a nuove iniziative che promuovano e valorizzino l’attività giovanile di base soprattutto in quella fascia d’età in cui risulta più marcato il fenomeno dell’abbandono. Secondo l’ISTAT, infatti, l’Italia è un Paese in cui la disaffezione verso le attività motorie è più alta tra gli Under 16. Dalla constatazione del decrescente numero di associazioni sportive e di praticanti è scaturita l’esigenza di individuare nuovi percorsi e nuove azioni in grado di animare il movimento sportivo italiano, promuovendo lo “sport praticato” nella fascia d’età immediatamente precedente, ovvero gli Under 14. Il passaggio successivo è stato naturale: rivolgersi alle Associazioni Sportive Dilettantistiche, spronandole a partecipare ad attività di livello promo/agonistiche capaci di valorizzare anche la figura del dirigente volontario ed il ruolo del tecnico giovanile, oltre a quello degli atleti più giovani. È nato così il Trofeo CONI Giovani, progetto multidisciplinare adattabile alle esigenze delle varie discipline sportive, che si propone di diventare anche un utile strumento per la ricerca di nuovi talenti. La Cerimonia Inaugurale è fissata per giovedì 9 ottobre, a partire dalle ore 19.00, nell’Area Monumentale della Reggia di Caserta. I numeri bastano, da soli, a dare un’idea della portata della manifestazione: 3 giorni di eventi, 3000 tra atleti/tecnici/accompagnatori presenti, 20 strutture sportive utilizzate per ospitare gli eventi, non solo a Caserta e Napoli ma anche a Castellamare di Stabia, Castel Volturno, Marcianise, Santa Maria Capua Vetere ed in altre località situate tra le due province. Trenta, infine, le discipline sportive in cui si cimenteranno i giovani atleti: atletica leggera, bocce, canoa, canottaggio, canottaggio a sedile fisso, cinathlon, dama, danza sportiva, equitazione, ginnastica (artistica e ritmica), giochi e sport tradizionali, golf, kick boxing, motonautica, orienteering, pallamano, pallapugno, pallatamburello, pattinaggio, pentathlon moderno, pugilato, rugby, scherma, sci nautico e wakeboard, squash, tennis, tennistavolo, tiro a segno, tiro a volo, vela. Il Trofeo CONI ha già vissuto una fase regionale, al termine della quale sono state selezionate le rappresentative Under 14 che durante il prossimo week end andranno a caccia del titolo nazionale. Ogni gara, infatti, decreterà il vincitore italiano in ognuna delle discipline sportive che hanno aderito all’evento. La delegazione pugliese è composta da 80 atleti, di cui 17 di Lecce (9 per la ginnastica e 8 per la kick boxing), 4 di Brindisi (2 per la ginnastica e 2 per il tiro a volo), 5 di Taranto (1 per la ginnastica, 3 per la kick boxing e 1 per il tiro a volo), 25 di Bari (8 per l’hochey, 9 per il pattinaggio, 3 per la scherma e 5 per la ginnastica) e 29 di Foggia (12 per la pallapugno, 12 per il tiro a segno, 4 per il pugilato e 1 per la ginnastica). La Puglia alloggerà a Castel Volturno insieme alle rappresentative di Campania, Molise e Calabria. A fare da corollario alle gare una serie di attività culturali legate allo sport, tra cui la mostra fotografica in onore del Centenario del Coni e la possibilità di provare praticamente uno sport, in spazi appositamente allestiti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!