Coldiretti, basta catastrofismi

Lecce. Il presidente Benedetto de Serio frena sugli allarmismi della malattia dell’olivo, 'è sempre di ottima qualità'.

Lecce. Basta catastrofismi. Il direttore di Coldiretti Lecce, Benedetto De Serio, interviene sulla situazione della patologia che ha colpito gli ulivi del Salento. “Contro ogni catastrofismo ed ogni irrazionale allarmismo – dice il direttore De Serio – vanno senza indugio poste in essere tutte le azioni contenute nella direttiva dell'Osservatorio fitosanitario regionale, tese a combattere e possibilmente eradicare il male oscuro degli ulivi. L'olivicoltura salentina, per i grandi risultati che sta dando negli ultimi anni, merita un rinnovato interesse da parte di tutti, al fine di ripetere esperienze e azioni che si sono realizzate in altre regioni grazie alle quali malattie come il “colpo di fuoco” delle pomacee possano dirsi definitivamente debellate”. “Occorre pertanto – prosegue De Serio – un approccio nuovo sia nelle tecniche di coltivazione, sia nell'utilizzo appropriato di idonei presidi fitosanitari. Occorre realizzare una meticolosa azione di controllo sul territorio tesa all'eliminazione delle parti e delle piante infette. In questo modo, altre realtà hanno potuto eliminare malattie simili. Nelle esperienze appena richiamate, un ruolo importante è stato attribuito ai tecnici dei Consorzi di difesa incaricati in un'azione imprescindibile di monitoraggio e delimitazione e conseguente eliminazione delle fonti di infezione”. Troppo tempo Si è perso – ribadisce il presidente – ora bisogna rilanciare il settore, comparto economico importantissimo per la zona. Visto che l’osservatorio fitosanitario della regione ci ha assicurato che l’olio non risente di questa patologia, la sua qualità è ottima.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!