Anziana coraggiosa denuncia i due rapinatori

Carmiano. Il furto non è sfuggito ad un passante ma anche l’anziana donna ha raccontato senza paura tutto alle forze dell’ordine con dovizia di particolari.

Carmiano. Arrestati dopo aver derubato un’anziana. La cronaca di oggi dice che i Carabinieri della Stazione di Carmiano hanno eseguito un’ordinanza cautelare di restrizione agli arresti domiciliari ai danni di Antonio De Luca e Riccardo Rolli, rispettivamente di 21 e 22 anni, afacenti, il primo già conosciuto dalle Forze dell’Ordine per precedenti di polizia in materia di stupefacenti. Tutto perché ritenuti responsabili di essersi introdotti nell’abitazione di una donna ottantacinquenne e di averle rapinato oggetti in oro e argento, poco più di un mese fa. Ma per illustrare meglio la vicenda bisogna portare indietro le lancette alle 13.30 circa del 13 settembre scorso. La vittima era in casa, al piano terra nella zona centrale di Carmiano; si era seduta proprio dietro la porta d’ingresso, lasciata aperta, ed era intenta a pulire degli ortaggi. D’improvviso, da quella porta si sono introdotti due giovani a volto scoperto. Uno di loro (poi identificato nel Rolli) l’ha bloccata e le ha impedito di chiedere aiuto mettendole la mano sulla bocca, mentre il complice – De Luca – ha cominciato a rovistare nelle stanze. Sono stati attimi di terrore per la donna, che però non ha riportato ferite. Dopo alcuni minuti, i due si sono allontanati portando oggetti in oro e argento – una collana, una spilla, un paio di orecchini e tre anelli – per un valore complessivo di circa mille euro. La scena non era però sfuggita a un testimone presente nei pressi, che ha potuto riferire quanto osservato con dovizia di particolari, a cominciare dal fatto che uno dei due malviventi sfoggiasse un piercing sul labbro. E la stessa vittima non è stata da meno, riuscendo a fornire agli investigatori ulteriori elementi che si sono rivelati preziosi. Antonio De Luca

Riccardo Rolli

I Carabinieri della Stazione di Carmiano ci hanno messo poco a unire tutte le tessere e a comporre il puzzle: al termine di complessi accertamenti, hanno messo insieme foto segnaletiche dei sospettati e le hanno sottoposte alla rapinata, che non ha avuto alcun dubbio nell’individuare i colpevoli dell’incursione in casa sua. A chiudere il cerchio sono state le informazioni raccolte dai militari sui due, risultati vicini a altri pregiudicati locali dediti anche a rapine: ossia lo stesso delitto di cui si erano macchiati anche questa volta, peraltro aggravato. Il Pubblico Ministero della Procura della Repubblica di Lecce che ha diretto le indagini, dott.ssa Donatina Buffelli, ha approvato le tesi investigative e ha pertanto chiesto l’emissione di misure cautelari a carico del De Luca e Rolli: richiesta accolta dal G.I.P. del Tribunale di Lecce dott. Carlo Cazzella, che ha ordinato per loro gli arresti domiciliari in quanto indagati per rapina pluriaggravata.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!