Boom di ‘Francesco’ in Puglia

Taranto. Secondo una recente ricerca i bambini nati nell’ultimo anno in Puglia hanno tutti una cosa in comune, il nome ‘Francesco’.

Taranto. Che i pugliesi siano degli estimatori di Papa Bergoglio è un dato di fatto. Infatti secondo una recente ricerca è “Francesco” il nome più diffuso tra i nuovi nati in Puglia di quest’anno ed è evidente il contributo di Papa Bergoglio alla popolarità di questo nome a seguito della sua proclamazione. In primis Taranto, dove il nome “Francesco” è quello più diffuso, considerando l’intera popolazione di ogni età. Realizzando una classifica delle città d’Italia in cui questo nome tradizionale è più popolare, Roma si posiziona al 2° posto assieme a Torino e a Cagliari; Bologna, Verona e Palermo occupano il 3° posto, al 4° troviamo Firenze e Messina, al 5° Venezia e Napoli e all’8° Trieste. E’ quanto emerge da una analisi svolta da Seat PG Italia in collaborazione con il Professor Enzo Caffarelli – direttore della Rivista Italiana di Onomastica (RIOn) e coordinatore scientifico del Laboratorio internazionale di Onomastica dell’Università di Roma Tor Vergata – grazie alle informazioni di PagineBianche e Tuttocittà. “Gli elenchi di Seat PG Italia – che recentemente abbiamo profondamente aggiornati adeguandoli alle nuove esigenze dei cittadini – rappresentano da quasi un secolo uno specchio degli italiani e di ogni provincia d’Italia: per questo ci piace scoprire l’anima delle città italiane anche attraverso i nomi più diffusi nelle popolazione e nei nomi di vie e piazze, andando a fotografare in questo modo un pezzo della tradizione, della religione e della cultura della Puglia e di tutte le città d’Italia.” ha dichiarato Mauro Balma Mion, responsabile Marketing Print di Seat PG Italia. In base al database di PagineBianche, tra i nuovi nati dopo il Duemila, il nome “Francesco” è 1º in Puglia, come è primo complessivamente in Italia e nella maggiori città pugliesi. A Taranto, in particolare, è nettamente davanti a “Gabriele”, “Andrea” e “Alessandro”; mentre Brindisi precede “Alessandro”, “Samuele” e “Andrea”. Nel XX secolo in Puglia “Francesco” è risultato il 3º nome per frequenza, dietro “Giuseppe” e “Antonio” e davanti a “Michele”, “Giovanni”, “Luigi” e “Vincenzo” (ha subìto molto meno che in altre regioni la concorrenza di “Franco”, che si piazza solo al 27º posto). In Puglia primi posti anche per i cognomi derivanti di “Francesco”. Il database di PagineBianche rileva in particolare la presenza di “Ciccolella”, “Cicciomessere” e “Ciccomascolo” per i quali la Puglia è primatista; di “Cicco“ (per il quale è la 2º regione dopo la Calabria) e “De Francesco” (3ª dietro Campania e Sicilia). Sono 287 i “Francesco” ricordati nelle strade e nelle piazze dei comuni pugliesi (esclusi i “Francesco Saverio” e i “Francesco Paolo”, nomi composti di lunga tradizione). Si va da “Francesco Agello” a Brindisi a “Francesco Zito” a Martina Franca (Taranto), passando perfino per “Francesco Totti”; “Totti” pugliese è, però, solo omonimo del calciatore della Roma. Si tratta infatti di un poeta e latinista del Settecento, nato appunto ad Altamura, autore di sonetti, distici ed elegie latine Il “Francesco” più ricordato nella regione è il santo di Assisi, con ben 215 toponimi urbani, il che pone la Puglia al 2º posto per dediche al patrono d’Italia dopo la Lombardia (313). In 2ª posizione figura, come del resto in tutta Italia, Francesco Petrarca (152); seguono Francesco Crispi (111), Francesco Baracca (75), Francesco Cilea (30) e San Francesco da Paola (16).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!