A casa dopo 70 anni

Poggiardo. Le spoglie di Giuseppe Bolognino torneranno a Poggiardo dopo quasi 70 anni, morto in un campo di concentramento nel 1944 lo si credeva disperso

Poggiardo. Torneranno finalmente a Poggiardo i resti del giovane militare morto nel 1944 in un campo di concentramento. I suoi resti saranno sepolti nel cimitero della sua città natale con gli onori militari. Giuseppe Bolognino, come altri 650.000 soldati italiani, dopo la firma dell'armistizio dell'8 settembre 1943, fu fatto prigioniero dai tedeschi e posto davanti alla scelta di continuare a combattere nelle file dell’esercito tedesco o di essere inviato in un campo di concentramento. Rifiutatosi fu deportato nel lager di Gelsenkirken in Germania dove morì il 4 novembre 1944, a soli 21 anni, per le ferite riportate in seguito a un bombardamento degli alleati e fu sepolto in una fossa comune. Fu successivamente identificato e sepolto nel cimitero di onore italiano di Amburgo all’insaputa dei familiari per i quali fino al 2011 risultava disperso. Grazie al caso e soprattutto al desiderio di verità e alla tenacia del nipote Carmelo Bolognino il giovane e sfortunato soldato poggiardese è stato trovato e tornerà finalmente nel suo paese natio. Dopo la cerimonia il militare verrà sepolto nella tomba di famiglia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!