Provincia e Comune di Lecce sui trasporti

Come cambia la mobilità a Lecce

Sinergia tra Sgm ed Stp ed, all’orizzonte, un’azienda unica della mobilità. Questo è emerso durante un vertice che si è tenuto ieri a Palazzo Carafa tra Adriana Poli Bortone, sindaca di Lecce, e Giovanni Pellegrino, presidente della Provincia

Si è tenuto nel pomeriggio di ieri a Palazzo Carafa un incontro tra Adriana Poli Bortone, sindaca di Lecce, e Giovanni Pellegrino, presidente della Provincia di Lecce, alla presenza dei rispettivi assessori competenti sui Trasporti e Mobilità, Gianni Peyla e Giuseppe Merico, al fine di definire un progetto di sinergia tra le rispettive aziende di trasporti, Sgm e Stp, che parta sul fondamento dell’ormai completo sistema di mobilità cittadino costituito dagli autobus, dai minibus elettrici e dal filobus. Obiettivo dell’incontro è stato la strutturazione di un sistema condiviso di mobilità in città che intrecci logiche, orari e modalità di viaggio dei mezzi a disposizione delle due aziende. Ai fini dello snellimento del traffico urbano e di quello in ingresso ed in uscita dal nucleo urbano, le due aziende definiranno l’ubicazione ed i criteri dei parcheggi di interscambio. Si è definita l’opportunità di un prossimo vertice di natura tecnica, anche alla luce della prospettiva della costituzione della azienda unica della mobilità. “Quella della azienda unica della mobilità – ha sottolineato Poli Bortone al termine dell’incontro – è una meta a più lunga scadenza, ma con il presidente Pellegrino abbiamo convenuto sulla opportunità di stabilire sin da oggi le modalità ed i criteri di un unico sistema della mobilità cittadina che veda ragionare insieme Sgm e Stp. L’incontro – ha concluso – è stato molto soddisfacente. C’è l’intesa politica, adesso tocca agli aspetti tecnici, ma contiamo di fare tutto in tempi molto ragionevoli”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!