Ufficio postale off limits per i disabili a Morciano di Leuca

Morciano di Leuca. La denuncia arriva dall'associazione Insieme per i disabili, Poste Italiane ribadisce che in alcune sedi è impossibile intervenire

Morciano di Leuca. Gli uffici postali di Morciano di Leuca rimarranno inaccessibili alle persone disabili. Nonostante le numerose segnalazioni, tra cui quella dell'associazione di volontariato “Insieme per i disabili” di Alessano ancora a è stato fatto. Poste Italiane ha giustificato il mancato abbattimento delle barriere architettoniche con dei vincoli strutturali e urbanistici, la sede non permette la realizzazione di interventi edili sulle strutture. “È vergognoso – commenta Luigi Russo, presidente dell'associazione “Insieme per i disabili” – impedire in un luogo pubblico come l'ufficio postale, l'autonomia delle persone disabili, costrette a chiedere aiuto ai passanti per inviare una raccomandata o pagare una bolletta. L'inclusione parte innanzitutto dalla quotidianità e dal libero accesso agli spazi pubblici”. A quanto pare, nonostante siano passati gli anni, nessuno, secondo la denuncia dell'associazione, ha provveduto ad eliminare il gradino per far accedere i disabili, a questo va ad aggiungersi la mancanza di uno scivolo e una porta tale da consentire il passaggio di una sedia a rotelle. Poste Italiane ha comunicato che, non potendo agire diversamente sulle sedi storiche, provvederà ad istallare un pulsante di chiamata opportunamente segnalato e facilmente accessibile, che consenta di segnalare la propria presenza all'esterno e di essere assistiti dal personale per lo svolgimento delle operalioni richieste.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!