Casarano, 470 mila euro di finanziamento per la manutenzione della scuola di via Amalfi

Casarano. Grazie al “decreto del fare” il comune potrà contare su 470 mila euro per la sistemazione dell’istituto comprensivo secondo polo

Casarano. Il comune si è aggiudicato un finanziamento di 470.500,00 euro per la ristrutturazione, adeguamento e manutenzione straordinaria dell’edificio scolastico di Via Amalfi, Istituto Comprensivo Polo 2. Si tratta di un progetto di 470.500,00 euro, finanziato con le risorse stanziate con il “Decreto del Fare “, che prevede la bonifica dall’amianto, l’adeguamento e la messa in sicurezza dell’impianto antincendio, la sostituzione dei corpi illuminanti, la sostituzione degli infissi esterni, il rifacimento dell’impianto di riscaldamento dell’edificio scolastico. Il Comune di Casarano ha ottenuto il massimo del punteggio, 100 punti, pari merito con altri 4 Comuni al vertice della graduatoria. La collocazione al quarto posto è conseguenza della scelta di non prevedere cofinanziamento da parte del Comune. “E’ una grande soddisfazione avere ottenuto questo finanziamento – sottolinea il Sindaco Dr. Gianni Stefano. Abbiamo scelto di presentare la candidatura senza cofinanziamento a carico del bilancio comunale e nonostante ciò abbiamo ottenuto il massimo del punteggio. E’ un grande risultato anche perché è frutto di progettazione interna agli uffici comunali. Quando gli uffici si impegnano i risultati vengono raggiunti e di questo gliene deve essere riconosciuto merito. E’ un progetto importante per la ristrutturazione e messa in sicurezza dell’edificio scolastico di via Amalfi. E’ un intervento di ben 470.500,00 euro, che non graveranno per niente sulle casse comunali e sui nostri concittadini. Dobbiamo continuare su questa strada, le capacità per intercettare finanziamenti esterni non ci mancano ed è la sola che ci consente di erogare servizi senza gravare sui nostri concittadini.”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!