Vestas, gli operai bloccano l’uscita delle turbine

Taranto. Fumata nera per l’incontro a Roma tra vertici aziendali e sindacati, l’azienda ribadisce la sua idea di chiusura dell’attività

Taranto. Gli operai Vestas hanno bloccato l’uscita delle turbine dallo stabilimento. “Le turbine – spiegano i sindacalisti – non escono dalla fabbrica sia perché lì c'è il presidio dei lavoratori, sia perché non c'è alcun segnale che Vestas ritiri i licenziamenti. L'incontro di venerdì scorso, quello che si è chiuso con una fumata nera – sottolineano i sindacalisti – non è stata una vera trattativa perché noi eravamo in una stanza al ministero dello Sviluppo economico e i rappresentanti dell'azienda in un'altra con i funzionari ministeriali che facevano avanti e indietro. Confronto diretto non c'è quindi stato”. Qualche settimana fa l’amministratore dell’azienda, senza preavviso, ha annunciato agli operai dei licenziamenti, ovviamente, oltre allo stupore, hanno fatto seguito le prime azioni di protesta culminate nel blocco dell’uscita delle turbine. Vestas infatti produce macchinari per pale eoliche. I sindacati hanno richiesto un piano di rilancio dell’azienda, per tutta risposta i vertici hanno risposto con il ricorso a 13 settimane di cassa integrazione ordinaria concluse dalla cessazione dell'attività produttiva il 30 dicembre.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!