“Riduci, Ricicla, Riutilizza”

Lecce. La sezione Recupero e riciclo di Confindustria Lecce organizza per il 10 ottobre un seminario su: riduci, ricicla, riutilizza.

Lecce. “Riduci, Ricicla, Riutilizza”. La sezione Recupero e riciclo di Confindustria Lecce organizza per il 10 ottobre alle ore 16.00 presso Confindustria Lecce un seminario sul tema del riciclo. Le tre “R” sintetizzano in maniera efficace l’imperativo categorico al quale imprenditori, pubbliche amministrazioni e cittadini dovranno attenersi per consegnare alle future generazioni un mondo migliore, dove il rifiuto diviene risorsa ed il concetto del riciclo una normale azione quotidiana. “Abbiamo la necessità di sensibilizzare fortemente – afferma il presidente della Sezione Rocco Carangelo – l’opinione pubblica e gli attori economici e sociali sull’opportunità di diffondere, a partire dalle nuove generazioni, una nuova cultura del rifiuto, che si fonda sull’idea che ciò che non serve più a me, può servire ad altri e viceversa. Stiamo cominciando, così, di concerto con alcune Istituzioni che si sono dimostrate particolarmente sensibili ed attente alla problematica, una intensa attività che parte da una nuova forma mentis per arrivare a comportamenti concludenti e di impatto economico ed ambientale”. Obiettivo del seminario, pertanto, è quello di fornire una prima informazione sulle diverse possibilità offerte dal riutilizzo e riciclo dei materiali, oltre a stringere partnership con le Istituzioni per lavorare insieme sulla riduzione della produzione di rifiuti, sul loro riciclo e di conseguenza riutilizzo. Nel corso dell’incontro si parlerà, anche, dei rifiuti come prodotto primario di ricerca. Infatti, sono diverse le aziende del settore che investono in ricerca ed innovazione nell’ambito della sostenibilità e green economy. “Considerata la grande produzione di materiali di scarto, di rifiuti – dice il vice presidente vicario di Confindustria Lecce, Vito Margiotta – ritengo che la regola delle “Tre R” -Riduci, Riutilizza e Ricicla- sia il motto giusto che apre la strada all’edilizia ecosostenibile ed al riutilizzo dei materiali denominati materia prima seconda. Questo campo è in continua crescita ed espansione e l’uso di materiali riciclati potrebbe contribuire da un lato ad innovare notevolmente gli standard qualitativi e dall’altro migliorare l’impatto sull’ambiente e sulla salute”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!